Operazione trasparenza“. L’hanno ribattezzata così dal consolato statunitense la visita di circa 40 giornalisti, locali e nazionali, per la prima volta all’interno del Muos, il sistema militare di comunicazione satellitare in costruzione a Niscemi (Caltanissetta). Ma ad aspettare l’autobus dei cronisti, davanti alla base americana, c’erano i comitati che da anni si battono contro l’installazione “dell’ecomostro”, decisi a far sentire anche la loro voce. “Se la vostra informazione è libera, scendete e parlate con noi”, hanno urlato. Sono seguiti momenti di tensione e alcuni attivisti si sono sdraiati sotto il pullman per impedirne il passaggio. Dentro la base le parole d’ordine sono “trasparenza e collaborazione”, ma all’ambasciata Usa sono sicuri: “Il Muos si farà”  di Salvo Catalano

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trivellazioni in Abruzzo, 10 motivi per dire no a ‘Ombrina’

next
Articolo Successivo

Ilva e partiti, ora il re è nudo

next