Operazione trasparenza“. L’hanno ribattezzata così dal consolato statunitense la visita di circa 40 giornalisti, locali e nazionali, per la prima volta all’interno del Muos, il sistema militare di comunicazione satellitare in costruzione a Niscemi (Caltanissetta). Ma ad aspettare l’autobus dei cronisti, davanti alla base americana, c’erano i comitati che da anni si battono contro l’installazione “dell’ecomostro”, decisi a far sentire anche la loro voce. “Se la vostra informazione è libera, scendete e parlate con noi”, hanno urlato. Sono seguiti momenti di tensione e alcuni attivisti si sono sdraiati sotto il pullman per impedirne il passaggio. Dentro la base le parole d’ordine sono “trasparenza e collaborazione”, ma all’ambasciata Usa sono sicuri: “Il Muos si farà”  di Salvo Catalano

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trivellazioni in Abruzzo, 10 motivi per dire no a ‘Ombrina’

next
Articolo Successivo

Ilva e partiti, ora il re è nudo

next