La zona euro rischia di rimanere imprigionata in un lungo periodo di bassa crescita economica e di calo generalizzato dei prezzi di beni e servizi, una trappola deflazionistica come in Giappone, a meno che la Banca centrale europea non decida di adottare un programma aggressivo di stimolo monetario, secondo il Presidente della Federal Reserve di St Louis, James Bullard. Il Pil della zona euro si é contratto dello 0,2 percento nel primo trimestre, allungando la recessione al record di sei trimestri consecutivi, l’inflazione é scesa all’1,2 percento ad aprile, il livello più basso dal febbraio 2010, mentre l’obiettivo della Bce é al 2 percento.

Ospite in collegamento Francesco Saraceno – Ricercatore OFCE, centro di ricerca in economia di SciencesPo da Parigi: “L’economia europea é in estrema difficoltà, sono fermi gli investimenti e i consumi, ed é ferma la domanda pubblica a causa dell’austerità, questa situazione deve essere rotta il prima possibile con qualunque mezzo a disposizione, quantitative easing da una parte e si spera politiche fiscali espansive almeno nei paesi che se le possono permettere”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Italia-Ue: l’Unione tra cabotaggio e mare aperto

prev
Articolo Successivo

Aiuti Ue, così i soldi finiscono nelle tasche degli investitori privati

next