Almeno 150 rifugiati politici hanno occupato una palazzina del Villaggio olimpico a Torino. Lo stabile era vuoto da tempo e faceva parte di un lotto che era stato messo in vendita. Gran parte degli occupanti proviene dai centri di accoglienza che sono stati chiusi a inizio mese con la fine dei progetti legati all’emergenza Nord-Africa. Circa 13mila rifugiati in tutta Italia, si sono ritrovati senza un tetto, in molti sono finiti a vivere per strada, in stazioni e dormitori. A Torino esistono già altre tre realtà di palazzine occupate da profughi, che lavoro saltuariamente e che tra poche settimane scemeranno verso le campagne per lavorare come braccianti nelle campagne piemontesi  di Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Morto Enzo Jannacci: amici, colleghi, fans e istituzioni ricordano l’artista

next
Articolo Successivo

Piemonte, Cota taglia il trasporto locale. I pendolari: “Preferisce investire sul Tav”

next