Almeno 150 rifugiati politici hanno occupato una palazzina del Villaggio olimpico a Torino. Lo stabile era vuoto da tempo e faceva parte di un lotto che era stato messo in vendita. Gran parte degli occupanti proviene dai centri di accoglienza che sono stati chiusi a inizio mese con la fine dei progetti legati all’emergenza Nord-Africa. Circa 13mila rifugiati in tutta Italia, si sono ritrovati senza un tetto, in molti sono finiti a vivere per strada, in stazioni e dormitori. A Torino esistono già altre tre realtà di palazzine occupate da profughi, che lavoro saltuariamente e che tra poche settimane scemeranno verso le campagne per lavorare come braccianti nelle campagne piemontesi  di Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Morto Enzo Jannacci: amici, colleghi, fans e istituzioni ricordano l’artista

next
Articolo Successivo

Piemonte, Cota taglia il trasporto locale. I pendolari: “Preferisce investire sul Tav”

next