Sciopereranno, ma senza bloccare i treni dei pendolari della Lombardia. I lavoratori di Trenord (società che gestisce il trasporto locale lombardo, il cui software era andato in tilt a dicembre) iscritti al sindacato Orsa sono circa un migliaio su 4mila dipendenti. Da un anno si battono per modificare il contratto stipulato dagli altri sindacati, in deroga al contratto nazionale di lavoro. “Ci chiedono turni più lunghi, ma ci abbassano lo stipendio. Incentivando turni massacranti di 10 ore, se si vuole guadagnare”, lamentano i lavoratori. Per tre giorni, il 27,28 e 29 marzo, indosseranno una pettorina con scritto “vogliamo il referendum, sostienici con una firma”, per chiedere la solidarietà dei pendolari. L’azienda, che venerdì ha dovuto affrontare lo sciopero nazionale dei trasporti, aspetta il giudizio della Corte di Cassazione (che si pronuncerà sul contratto ad aprile) e intanto si dice soddisfatta della “decisione dell’Orsa di non proclamare un nuovo sciopero, perché evita che la dialettica interna si ripercuota sui cittadini”  di Francesca Martelli

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sicilia, Crocetta: “Ho cancellato 235 enti, alcuni con corsi fantasma sulla formazione”

prev
Articolo Successivo

Bologna, cariche della Polizia sui manifestanti. Colpito cronista del Fatto

next