Con la nostra protesta ieri abbiamo sfidato la moda a ripulirsi ma è stata una grossa sfida anche per me. Sono Indira, la modella-cimber della sfilata verticale sul Castello Sforzesco.

Che azione insolita! Nel mio zaino da attivista, oltre a corde e imbragatura, c’erano anche stivali con il tacco, rossetto e specchietto. Per anni mi sono allenata a lavorare appesa sulle corde ma questa volta ho dovuto fare di più: essere la modella della prima sfilata verticale a Milano per l’apertura della fashion week.

Vi racconto dall’inizio. Nel backstage della mia sfilata (dietro ai merli e non dietro le quinte) ci sono gli altri attivisti a prepararmi gli ancoraggi. Intanto io mi vesto con abiti “fashion”, finisco di truccarmi, copro il caschetto di protezione col colbacco e mi sistemo l’imbrago. Gli imbraghi sono pensati per farti stare seduto e non per ruotare. La sfilata verticale, invece, richiede un sistema diverso che abbiamo studiato e perfezionato precedentemente. L’appoggio del peso del mio corpo è tutto su due corde che mi girano attorno ai fianchi e premono sulle ossa. Non è facile da sopportare ma basta essere consapevoli!

Tutto ok, mi sento pronta. Guardo giù ed esco dal davanzale. I fianchi indolenziti dalle due giornate precedenti di allenamento, i muscoli tesissimi su addome, schiena e collo in una vera battaglia contro la gravità.  In questo mondo alla rovescia inizio a sfilare e da lì rilancio la sfida di Greenpeace alle case d’Alta moda: impegnarsi nell’unica vera tendenza che rispetta il Pianeta, cioè una moda non contaminata da deforestazione e sostanze tossiche.

Nella classifica “The Fashion Duel” finora solo Valentino Fashion Group si è impegnato per raggiungere gli ambiziosi obiettivi Deforestazione Zero e Scarichi Zero nelle propria produzione. Che aspettano Prada, Dolce&Gabbana, Chanel e tutti gli altri?

La protesta funziona, i media cominciano a parlare di noi, sul web e i social network le persone firmano la nostra petizione su www.thefashionduel.com.

Evitiamo di disturbare i vigili del fuoco per il mio ricupero. Rientro prima che loro aprano il gonfiabile. Carabinieri, caserma, tutto regolare: dopo l’identificazione tutti gli attivisti vengono rilasciati. La nostra sfida è appena iniziata. Non ci fermeremo fino a quando non avremo convinto tutte le aziende a impegnarsi per offrire ai consumatori una moda che non costa nulla al Pianeta.

Il “fashion duel” continua.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Grandi navi a Venezia

next
Articolo Successivo

Nubifragio a Catania, esempio di vulnerabilità

next