“Più pericolosi di mafiosi, stupratori, spacciatori. Tre poliziotti sono finiti in carcere per scontare una pena di sei mesi ricevuta per una contestazione a titolo di mera colpa. Siamo allibiti, ed è inutile fare gli ipocriti e tentare la strada della finta diplomazia. Troppo spesso non capita di finire in carcere neppure ai mafiosi, ai delinquenti della peggiore specie, o ai condannati per delitti gravissimi, o a chi ha subito una condanna magari non pesantissima, ma per reati di forte allarme sociale come stupri o maltrattamenti in famiglia, o molto altro ancora”.

Firmato Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia ripresa alle 18.05 dall’agenzia Adnkronos.

Per la cronaca stiamo parlando della decisione del  Tribunale di sorveglianza di Bologna che ha stabilito il carcere per Paolo Forlani, Monica Segatto e Luca Pollastri, tre dei quattro poliziotti  già condannati in via definitiva a tre anni e sei mesi per l’uccisione di Federico Aldrovandi, il 18 enne morto nel 2005 a Ferrara in un controllo di polizia. Ma per Maccari questa è una decisione  “estremamente funzionale al bisogno di vendetta dei protagonisti di questa drammatica storia. Sappiamo che è funzionale anche alle campagne d’odio e denigrazione delle forze dell’ordine. Sappiamo che è funzionale a chi sull’emotività scatenata dalle vicende umane altrui ci marcia e ci racimola consensi, lettori, ascoltatori e candidature”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sequestro Spinelli, pm Milano chiedono giudizio immediato per 4 indagati

next
Articolo Successivo

Spese ‘pazze’ in Lombardia, consiglieri Pd e Idv indagati per peculato

next