I resti di Lea Garofalo, compagna del pregiudicato calabrese Carlo Cosco, uccisa per aver testimoniato contro i clan, sarebbero stati trovati in un campo della Brianza. A rivelarlo è il quotidiano La Stampa secondo cui sono state trovate ossa e alcuni oggetti che potrebbero essere della vittima e si attende l’esito dell’esame del dna per averne la conferma. La notizia non è ancora stata ufficializzata. 

Se il dna confermerà quanto sospettato dagli inquirenti allora si tratta di una svolta nell’inchiesta sulla morte dell’ex collaboratrice di giustizia, figlia di un boss della ‘ndrangheta di Petilia Policastro. Che, secondo l’accusa,  nella notte tra il 24 e il 25 novembre 2009 sarebbe stata ammazzata e fatta sparire dall‘ex compagno Cosco, un pregiudicato calabrese residente a Milano intenzionato a scalare le gerarchie ‘ndranghetistiche. Significherebbe infatti che il suo corpo non è stato sciolto nell’acido come si è pensato finora, ma bruciato e sepolto. Le indagini che hanno condotto al processo, conclusosi in primo grado a Milano con sei condanne, sono state basate principalmente su testimonianze de relato e sui movimenti degli imputati, a cui si è risaliti attraverso le celle agganciate dai loro cellulari, ma non è mai stato trovato alcun riscontro oggettivo alla morte della donna.

Il ritrovamento dei resti sarebbe avvenuto un mese fa, ma solo oggi se ne è avuta notizia. All’esame degli inquirenti ci sarebbero anche dei monili, compresa una collana. Le probabilità che i resti siano della donna scomparsa sono “elevatissime”, si apprende da fonti investigative. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lega, ex assessore Rizzi assolta dal reato di abuso di titolo

next
Articolo Successivo

Da IV grado di giudizio a “ammazza sentenze”: il Pdl inasprisce l’emendamento

next