I resti di Lea Garofalo, compagna del pregiudicato calabrese Carlo Cosco, uccisa per aver testimoniato contro i clan, sarebbero stati trovati in un campo della Brianza. A rivelarlo è il quotidiano La Stampa secondo cui sono state trovate ossa e alcuni oggetti che potrebbero essere della vittima e si attende l’esito dell’esame del dna per averne la conferma. La notizia non è ancora stata ufficializzata. 

Se il dna confermerà quanto sospettato dagli inquirenti allora si tratta di una svolta nell’inchiesta sulla morte dell’ex collaboratrice di giustizia, figlia di un boss della ‘ndrangheta di Petilia Policastro. Che, secondo l’accusa,  nella notte tra il 24 e il 25 novembre 2009 sarebbe stata ammazzata e fatta sparire dall‘ex compagno Cosco, un pregiudicato calabrese residente a Milano intenzionato a scalare le gerarchie ‘ndranghetistiche. Significherebbe infatti che il suo corpo non è stato sciolto nell’acido come si è pensato finora, ma bruciato e sepolto. Le indagini che hanno condotto al processo, conclusosi in primo grado a Milano con sei condanne, sono state basate principalmente su testimonianze de relato e sui movimenti degli imputati, a cui si è risaliti attraverso le celle agganciate dai loro cellulari, ma non è mai stato trovato alcun riscontro oggettivo alla morte della donna.

Il ritrovamento dei resti sarebbe avvenuto un mese fa, ma solo oggi se ne è avuta notizia. All’esame degli inquirenti ci sarebbero anche dei monili, compresa una collana. Le probabilità che i resti siano della donna scomparsa sono “elevatissime”, si apprende da fonti investigative. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lega, ex assessore Rizzi assolta dal reato di abuso di titolo

prev
Articolo Successivo

Da IV grado di giudizio a “ammazza sentenze”: il Pdl inasprisce l’emendamento

next