Franco Battiato diventa assessore al turismo e allo spettacolo della regione Sicilia, accettando la proposta del nuovo governatore Rosario Crocetta. Le qualità artistiche del cantautore sono fuori questione, può piacere o meno, ma rimane un pezzo di storia della musica italiana.

Personalmente ho accolto con scetticismo e delusione questa nomina. Partiamo, ad esempio, da questa frase dell’artista: “Non faccio politica e non voglio avere a che fare con politici”. E’ realmente possibile non fare politica ricoprendo una carica politica e  non avere a che fare con i politici quando è stato un politico a proporti la poltrona che andrai ad occupare? E’ sostenibile un’affermazione del genere?

Oppure “Scendo in campo volentieri, seppur parzialmente, perché non posso e non voglio cambiare mestiere”. Fortunatamente Battiato non smetterà di occuparsi di musica, ma il registrare album e l’andare in tour quanto tempo porterà via ai doveri del suo “nuovo lavoro”? L’assessore al turismo e allo spettacolo della regione Sicilia farà quindi un part-time? I siciliani hanno bisogno di un assessore alla cultura part-time?

L’artista rinuncia allo stipendio e questo viene presentato come una cosa lodevole, ma cosa cambia nelle finanze di Battiato l’averlo o meno? Forse nulla?  Non mi sembra possa considerarsi un sacrificio.

Tutti contenti ed a canticchiare le sue canzoni come se fossero la migliore delle assicurazioni e lo sono, ma solo del suo valore artistico, ora non potrà esimersi dal rivestire anche un valore politico (anche se lui sostiene di no) e questo è tutto da verificare.

Spero di sbagliarmi e non dubito delle buone intenzioni del cantante, ma il tutto mi sa più di colpo d’effetto che di reale sostanza. Come spesso accade, l’immagine o lo spot ben costruito possono dirottare dall’interesse dei problemi reali.

Una volta Battiato in “Up Patriots To Arms” cantava: “mandiamoli in pensione, i direttori artistici, gli addetti alla cultura” a quanto pare invece di mandarli in pensione alla fine ha preferito sostituirsi a loro. Stiamo a vedere se potremo evitare di augurargli lo stesso destino altrimenti, sempre ricordando un altro dei suoi successi, povera patria!

di Mario De Maglie

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Incandidabilità, il decreto del governo? Punirne tre per salvare gli altri cento

next
Articolo Successivo

Terremoto, prima governo battuto, poi intesa. “Mettiamo la fiducia”

next