Accanimenti contro Berlusconi? Per Gaetano Pecorella, parlamentare Pdl e ex avvocato del Cavaliere, meglio “andarci cauti questa volta”. “Se si pensa che ci sia accanimento – ha detto in un’intervista al quotidiano Avvenire – cosa do­vremmo pensare, che nelle precedenti circostanze l’ex premier non ha subìto condanne per non alterare gli equilibri politici? E poi faccio un’altra riflessione: Berlusconi oggi è un ‘semplice cittadino’, che tra l’altro tre giorni fa ha annunciato un passo indietro dalla prima linea politica. I giudici potevano avere ragioni per accanirsi prima, non ora”. 

E sulla condanna inflitta all’ex premier: “Tra prescrizioni e assoluzioni, sinora Berlusconi non era mai stato condannato. Insomma, quando si è arrivati al giudizio, la pubblica accusa è sempre stata smentita. E’ la prima volta che accade l’inverso”. Il quotidiano della Cei, fa però notare che, “questa, è la prima condanna di Berlusconi, ma Pecorella non è più il suo legale”.

Osservazione a cui il parlamentare ribatte in fretta: “Non dica altro. Posso solo considerarmi sod­disfatto di averlo assistito in tutti i processi in cui è stato assolto, a partire dal caso-Sme, il più importante e difficile di tutti”. Eppure continua, imputando un altro errore a Berlusconi, quello “di aver promosso il cambiamento con un anno e mezzo di ritardo. Dovevamo fermarci quando non riuscivamo più a governare ed eravamo assediati dalla giustizia. Le mie po­sizioni critiche, oggi lo si capisce, erano solo nel suo interesse”.

Mesi fa Pecorella spiegava al Fattoquotidiano.it che “Berlusconi è la testa del partito, ed è evidente che errori e omissioni non si possono che imputare a chi ha diretto il Pdl negli ultimi anni”, raccontando di aver aderito all’associazione Per un’altra Italia, una pattuglia di 14 esponenti azzurri intenzionati a rilanciare la “rivoluzione liberale” italiana, rimasta “incompiuta” dal 1994. Con lui molti berlusconiani fino a ieri irriducibili, come Giorgio Stracquadanio e Isabella Bertolini, oltre a pidiellini della prima ora da tempo dissidenti, come Roberto Antonione e Giustina Destro. “Però sono contrario – aveva precisato – a identificare un singolo responsabile, non è che cambiando il leader si risolvono i problemi”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Processo Mediaset, Anm: “Non c’è sentenza politica né barbarie, respingiamo attacchi”

next
Articolo Successivo

Condanna Mediaset, Berlusconi: “Ora costretto a rimanere in campo”

next