Il Ministro dello sviluppo economico, Corrado Passera arriva all’Auditorium dell’Ara Pacis, evitando di rispondere alle domande dei cronisti che lo attendevano. Sale sul palco e, come se fossimo già in campagna elettorale, pronuncia uno slogan: “Le caratteristiche della polica che serve: dignità, rabbia e passione“. Poi durante il dibattito tv dal titolo “La crisi? Passerà” nell’ambito di “Roma InConTra”, il giornalista Beppe Severgnini chiede al ministro: “Visto l’affollamento di leader nel centrosinistra, mi sembra invece che ci sia un problema nel centrodestra. Le interessa?” Passera, dopo un attimo di esitazione, risponde: “Fino alla fine di questo mestiere, diciamo fino alla fine dell’anno non voglio entrare in questa cosa“. “Fine dell’anno o fine del mandato?”, chiede Severgnini. “Diciamo – risponde Passera – fino alla fine di questo periodo.  “Ma è d’accordo che il buco di mercato è nel centrodestra?” chiede ancora Severgnini. “Questa è un’ipotesi. Per fare bene il lavoro che sto facendo non devo entrare in questo tema”, conclude Passera  di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sit-in anti Formigoni: “Siamo 4 gatti”. Il presidente: “Non fanno impressione”

next
Articolo Successivo

“Che c’azzeccano questi?”. L’Italia dei Valori tra tensioni e rinnovamento

next