Si aprira’ il 29 settembre il processo all’ ex maggiordomo del Papa Paolo Gabriele e al tecnico informatico Claudio Sciarpelletti, rinviati a giudizio nell’ambito dell’inchiesta sulla fuga di documenti vaticani. Lo ha stabilito oggi il presidente del Tribunale della Città del Vaticano, Giuseppe Dalla Torre. “L’udienza – precisa una nota della Sala Stampa della Santa Sede – avrà luogo nell’Aula delle udienze del Tribunale dello Stato della Città del Vaticano. Il decreto è stato notificato agli interessati”. 

Il “corvo”, Paolo Gabriele, fu arrestato il 23 maggio scorso a seguito di una perquisizione nella quale furono ritrovati nella sua casa documenti riservati sottratti dall’Appartamento Pontificio e un assegno da 100 mila euro, una pepita d’oro e una copia preziosa dell’Eneide. Il rinvio a giudizio che lo riguarda è per furto aggravato ed è seguito a interrogatori nei quali ha sostanzialmente ammesso il reato e a una perizia psichiatrica che lo ha dichiarato imputabile. Anche Claudio Sciarpelletti, informatico della Segreteria di Stato, è stato arrestato a seguito di una perquisizione nella quale sono stati trovate però solo alcune buste indirizzate a Paolo Gabriele: rilasciato dopo 24 ore è ora imputato di favoreggiamento, a causa delle versioni contraddittorie da lui fornite ai giudici. 

Il Vaticano aveva risposto duramente agli episodi di diffusione di notizie che considerava “un furto per cui i giornalisti risponderanno“, in riferimento alla pubblicazione, di Marco Lillo sul Fatto Quotidiano, della lettera del 7 luglio 2011 a Benedetto XVI dell’ allora segretario generale del governatorato dello Stato della Città del Vaticano, Carlo Maria Viganò, oggi nunzio negli Stati Uniti e alle numerose carte riservate raccolte nel libro di Gianluigi Nuzzi “Sua santità”, pubblicato da Chiarelettere.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Icaro, il Consorzio anticamorra accusato di cattiva gestione dei beni sottratti ai clan

prev
Articolo Successivo

Cassazione, confermata condanna per neofascista che faceva saluto romano

next