La scuola ai tempi di Internet. Tra opportunità e rischi c’è chi pensa che gli under 11 non debbano usare un social network, compreso quello più famoso Facebook. E così poiché in una scuola del Regno Unito il 60% dei piccoli alunni, tra i 4 e gli 11 anni appunto, navigano tra diari e bacheche la scuola pensa di denunciare i genitori ai servizi sociali. I rischi sono sempre gli stessi; incontrare per esempio pedofili o comunque entrare in contatto con persone e argomenti inadatti a quelli che non sono neanche adolescenti.

L’idea di mettere in guardia i genitori poco attenti è di una primary school inglese che, secondo quanto riporta il Dailymail, ha ammonito le famiglie sui potenziali danni dell’uso dei social network da parte dei bimbi troppo piccoli, minacciando appunto di segnalarli. Danni possibili sui bambini la cui responsabilità ricade sui genitori alla pari di un comportamento a rischio di un problema familiare. A lanciare la protesta a tutela dei ragazzini è stato il docente Paul Woodward della Saint Whites School. Su 270 studenti dell’istituto oltre la metà usa Facebook, nonostante le regole del sito vietino di iscriversi prima dei 13 anni. Woodward quindi, in qualità di membro della National Association of Head Teachers, ha chiesto al governo di emanare regole più restrittive per i genitori affinché monitorino l’accesso prematuro a internet dei figli e i relativi pericoli, come incappare in materiale pornografico e fare acquisti inconsapevolmente. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Usa, Biden apre sui matrimoni gay. Ma per Obama è una mossa rischiosa

prev
Articolo Successivo

Israele, Netanyahu annuncia elezioni anticipate. Poi trova l’intesa con Kadima

next