Questa mattina, nella sede della provincia di Varese, Roberto Maroni ha incontrato Giuseppe Orsi, ad di Finmeccanica indagato da martedì scorso con l’accusa di corruzione internazionale e riciclaggio. All’incontro avrebbe preso parte anche il presidente della provincia di Varese Dario Galli, leghista e consigliere d’amministrazione di Finmeccanica. “Ci ha solo prestato l’ufficio”, si affretta a chiarire lo stesso Maroni, che esclude qualunque conflitto d’interesse e rilancia l’estraneità della Lega Nord dalle accuse di tangenti, ricevute, secondo l’ex addetto alle relazioni esterne di Finmeccanica Lorenzo Borgoni, da Giuseppe Orsi. “L’incontro di questa mattina”, ha spiegato Maroni, “è servito al nostro avvocato per alcuni chiarimenti”. Dalla sede del Carroccio in via Bellerio è infatti arrivata la conferma della querela nei confronti di Borgogni: “Ci accusano di aver preso 10 milioni? Bene”, conclude Maroni, “li pretenderemo come risarcimento”. di Franz Baraggino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bersani risponde a Grillo sul 25 aprile: “Non si deve permettere di insultare”

prev
Articolo Successivo

Tonino spiazza Beppe: “Sfascia tutto” Grillo: “Spero sia stato un lapsus”

next