Sono almeno 125 le persone rimaste ferite, molte in modo grave, nello scontro tra due treni passeggeri alla periferia della capitale olandese. Lo riferiscono fonti della polizia, spiegando che tredici passeggeri versano in condizioni critiche, altri 44 sono in condizioni serie e per una quarantina di casi si tratta di contusioni lievi, ma “per ora non è possibile essere più precisi”. Uno dei due treni aveva come destinazione Uitgeest (nell’ovest del Paese), l’altro Nijmegen (a est). La collisione è avvenuta su un ponte tra la stazione centrale di Amsterdam e la stazione di Sloterdijk.

Lo scontro, che ha coinvolto un treno ad alta velocità e un convoglio locale, è avvenuto alle 18:30. Tutto il traffico ferroviario a ovest di Amsterdam, tra cui quello che porta dalla stazione centrale all’aeroporto di Amsterdam-Schiphol, è stato interrotto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Piermario Morosini, una settimana dopo

prev
Articolo Successivo

“Fu l’amianto a uccidere gli operai della Fibronit”. Cassazione conferma condanna

next