Umberto Bossi parla ad Arese, commenta il caso che ha terremotato la Lega e accusa: “Il caos non è venuto da solo, com’è possibile che adesso dicono che l’amministratore della Lega è legato all’ndrangheta? Non se ne sono accorti prima i servizi segreti?”. Dopodiché lancia un messaggio a Maroni: “La Lega voglio unirla e fare un accordo con lui”. Indirettamente l’ex ministro dell’Interno risponde: “Bossi per me è come un fratello maggiore”.

Il senatur, quindi affronta, il caso giudiziario e rilancia la tesi del complotto:  si riferisce all’ex tesoriere Francesco Belsito, accusato di truffa aggravata ai danni dello Stato, appropriazione indebita e riciclaggio. Belsito era anche vice presidente di Fincantieri, ha ricordato il senatur, durante un comizio. “Se fosse stato legato alla mafia, i servizi segreti se ne sarebbero accorti”, ha ragionato, “se non fosse così, sarebbero licenziati”. “Maroni dice che i servizi non c’entrano – ha continuato – se non altro, non ci hanno avvisati”. I servizi non dipendono dal ministero dell’Interno che era guidato da Maroni, ha precisato, “ma da Palazzo Chigi, noi eravamo li’ tutti i giorni non ci hanno avvisato”.

E mentre Marono dice di non credere alla tesi del complotto, Bossi la rilancia : non è possibile che i servizi non sapessero, e dunque “Lo sapevano benissimo” e “hanno detto a Belsito se non vuoi che ti mettiamo in galera per 20 anni, fai scoppiare un grosso scandalo'”. Conclusione: “E così la Lega si è divisa, con la storia di Maroni, la magistratura”.

Come Maroni, anche il senatur rilancia la volontà di puntellare il partito. “Ieri ad Alessandria c’era una grande sala piena di gente, è stato commovente perché era la prima volta che uscivo, ero preoccupato”. E ancora: “Io non mollo, dobbiamo dare l’esempio che noi non molliamo, andiamo avanti”, ha, pero’, garantito. “Se qualcuno pensava che una botta di questo genere ci farà desistere da fare opposizione a questo governo”. Quindi conclude: “La Lega voglio unirla e fare accordo con Maroni”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Allarme mafia in Veneto, qui la prima banca si chiama ‘ndrangheta

prev
Articolo Successivo

Sanità in Lombardia: “Ai privati 176 milioni in 3 anni, 84 finiti a S. Raffaele e Maugeri”

next