Si sono svolti in queste ore a Casale Monferrato i funerali di Marco Giorcelli direttore del Monferrato, il giornale locale.
Giorcelli lo dirigeva da 19 anni, aveva seguito passo passo le vicende dell’amianto killer, le denunce, la disperazione dei familiari, l’avvio del processo, le polemiche, la vigilia della sentenza.

Dopo aver descritto tante volte l’orrore del mesotelioma, la malattia causata dalle polveri che ha decimato la popolazione di Casale Monferrato, a gennaio si è visto consegnare un referto che riguardava lui.

Questa volta la malattia aveva colpito il cronista perché quelle polveri letali continuano a uccidere, anche chi non ha mai lavorato all’Eternit, ma è stato costretto comunque a respirare l’aria avvelenata dai fumi. Alla faccia di quei mascalzoni che, per decenni, hanno avuto la sfrontatezza di negate la pericolosità dell’amianto e le sue conseguenze sulla salute pubblica.

Marco Giorcelli, così come tante altre persone, non ha potuto fare nulla contro il mesotelioma, ha perso l’ultima battaglia. Ci sembra giusto ricordarlo attraverso il suo editoriale, una sorta di testamento, una cronaca di una battaglia individuale e collettiva contro il cinismo di chi, pur di far soldi, non esita a compromettere la vita degli altri.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il criceto impossibile

prev
Articolo Successivo

Francia, l’altra metà della Tav: poche contestazioni, molto dibattito (e dubbi)

next