Appropriazione indebita. Sul tavolo 13 milioni di euro prima scomparsi e poi intascati da Luigi Lusi, tesoriere della ex Margherita. Che fine hanno fatto? In parte, ammette lo stesso senatore Pd, ieri espulso dal gruppo di palazzo Madama, sono serviti per pagare le tasse e acquistare appartamenti extra-lusso. Il tutto a insaputa dei vertici, in particolare dell’allora segretario Francesco Rutelli? La prima tesi appare questa. I maggiorenti del partito sciolto nel 2007 e confluito nel Pd, ribadiscono il tema scaricando la colpa su Lusi. Una posizione che appare fragile, soprattutto alla luce dei nuovi sviluppi investigativi. Sì, perché, si scopre ora, che parte di quel denaro nel 2009 è rientrato in Italia grazie allo scudo fiscale. Questo sta scritta in alcuni accertamenti della Guardia di finanza. E dunque, di nuovo la domanda: è possibile che Lusi abbia fatto tutto da solo?

Proseguiamo. Il denaro sottratto dal tesoriere, nonostante sia stato frazionato in novanta bonifici, confluisce tutto alla Ttt srl, società della quale Lusi risulta unico proprietario. La società per anni ha avuto l’incarico di effettuare consulenza per conto della Margherita. Ancora: l’intera srl è partecipata al 100 dalla Luigia Ltd con sede a Toronto in Canada. Il gioco è quello classico delle scatole cinesi. Obiettivo: occultare il denaro e dare il via a investimenti immobiliari. Uno di questi, l’affare romano del palazzo di via Monserrato, inceppa il meccanismo. Da qui parte tutta l’inchiesta. Ma c’è di più: l’amministratore unico della Ttt è Paolo Piva che fu consulente per la viabilità durante il periodo in cui Rutelli fu sindaco di Roma. E dunque, di nuovo la domanda: possibile non sapesse?

Dopodiché c’è la disputa civile che oggi emerge con chiarezza e ribadisce il concetto: i vertici non potevano non sapere. Ricapitoliamo: nel luglio scorso ex appartenenti alla Margherita si rivolgono al tribunale di Roma. impugnando la validità dei rendiconti dal 2009 al 2010. Il contenuto del ricorso è chiaro: “Nessun rendiconto poteva essere approvato se non dall’Assemblea federale”. Che fa Lusi? Si oppone al ricorso e anzi rilancia. Vuole resistere “all’impugnazione” chiedendo di valutare improcedibili le domande. E’ tutta farina del suo sacco? No, perché la citazione chiama in causa il partito e il partito come tale risponde. Possibile, ancora una volta, che nessuno sapesse?

La tesi, ormai, fa acqua da tutte le parte. Lusi “mariuolo” a insaputa dell’ex leader Rutelli? Di nuovo per capire basta compulsare i rendiconti dal 2008 al 2011. Lo fa oggi Repubblica. E inizia dal 2008, quando, a pochi mesi dall’essere confluita nel Pd, l’ex Margherita mette a bilancio “spese elettorali e di propaganda” per oltre dieci milioni di euro. Costi molto alti per un partito ormai dismesso. Tre anni dopo nessuno più si ricorda della Margherita. Eppure a bilancio si trovano 25 milioni, mentre Lusi iscrive oltre tre milioni di spese “di propaganda e comunicazione”.

Spese o voci gonfiate? I pm non hanni dubbi. Dentro a quelle cifre ci sono i novanta bonifici per 13 milioni di euro. Di questi oggi Lusi è disposto a restituirne cinque. Proposta che proprio oggi verrà vagliata dagli ex leader della Margherita.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Camera, la Lega molla Cosentino
sulla questione intercettazioni

next
Articolo Successivo

Api e Pd: scatole cinesi
nel partito-zombie

next