Avviso a tutti i naviganti di questo blog. Da oggi questo mio spazio avrà una prospettiva diversa. Una prospettiva dall’alto…esattamente 50 metri da terra. E’ la distanza che divide Oliviero, Carmine e Giuseppe dal resto del mondo. Loro sono i tre (degli 800) licenziati dei servizi “treni notte”,  sono quelli che hanno deciso di arrampicarsi sulla torre-faro alla stazione centrale di Milano. Li avevo contattati telefonicamente tra natale e capodanno per scriverne sul Fatto Quotidiano. Un articolo per raccontare il perché abbiano deciso di rimanere dove sono anche dopo il presunto accordo sottoscritto per “collocare” i lavoratori lombardi. E il resto dei dipendenti? Il resto delle loro famiglie con cosa vivono se non possono più contare sullo stipendio di mille euro?  Penso ad esempio agli altri licenziati che dal 24  novembre occupano la palazzina di via Prenestina a Roma.
Insomma tutte queste storie, simbolicamente, da oggi troveranno spazio su questo nel “
Diario dalla torre-faro” che scriveranno Oliviero, Carmine e Giuseppe. I vostri commenti li faranno sentire meno soli nella loro lotta per la dignità di lavoratori.
Elisabetta

Diario
28esimo giorno. La conquista del bagno chimico. Il sole che asciuga la tenda e i sacchi a pelo. La lettura dei giornali, i fischi dei treni che ci salutano. La città e la stazione vista da 50 metri da terra. Siamo saliti su questa torre-faro in silenzio, di notte senza farci vedere. Gli altri, disperati, erano allo scuro di tutto, quasi rassegnati e qualcuno deluso. “L’impianto di Milano non fa niente” avevamo letto su Facebook, “anzi continua a lavorare” ma noi prima di decidere abbiamo pensato cosa fosse meglio fare. Così siamo saliti sulla torre-faro per ultimi, rispetto alle iniziative di protesta dei colleghi di altre città.
Il secondo piano è presidiato dalla tenda canadese di Beppe che blocca la botola di accesso per impedire eventuali irruzioni. Il terzo piano è dove stiamo e dormiamo. Al quarto piano c’è la sala stampa e in cima, dove ci stanno i fari, abbiamo appeso la bandiera tricolore e lo striscione con la scritta “L’Italia è più divisa senza i treni notte”.

La notte in cui è stato firmato il verbale di accordo per i dipendenti della sola Lombardia nessuno di noi tre ha chiuso occhio e all’indomani abbiamo deciso di continuare a rimanere qua. Dall’11 dicembre siamo tutti senza lavoro. E a chi ci accusa di essere in cerca di visibilità rispondiamo che noi rivogliamo la nostra dignità di lavoratori non l’occhio del grande fratello come ci hanno offerto alcune televisioni (commerciali e non ndr.)

Carmine, Oliviero e Giuseppe

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Istat: disoccupazione giovanile al 30,1%
mai così alta dal 2004

next
Articolo Successivo

Crisi economica, aumenta il numero dei suicidi tra imprenditori e disoccupati

next