I quattro simboli tra cui scegliere alle primarie ecologiste

Sono nati con l’intento di proporre un modo diverso di fare politica e vogliono continuare su questa strada. Ecco perché il movimento ecologista e civico ha deciso di indire per questo weekend delle consultazioni primarie con l’obiettivo di stabilire quale sarà il simbolo che meglio li rappresenta.

“In un momento così difficile per la storia del nostro paese – si legge nell’appello al voto degli Eco -, avvertiamo ancora più forte la responsabilità di concretizzare il nostro sogno di un nuovo soggetto politico ecologista e civico, coerente e credibile, che sappia raccogliere tutte le energie positive e ridare voce alla società civile, per rispondere concretamente alle sfide di oggi, con una visione chiara della società che vorremmo domani”.

Ciascuno dei quattro soggetti promotori della rete federata (Costituente ecologista, Verdi, Sindaci della buona amministrazione e Abbiamo un sogno) ha elaborato un proprio simbolo che presenterà alla consultazione popolare indetta per sabato 29 e domenica 30 ottobre, con una votazione che avverrà sia nei gazebo allestiti nelle piazze, sia online. La consultazione, che è stata battezzata con il nome “scegli il tuo simbolo”, ha già segnato un primato: “È la prima volta nella storia della nostra Repubblica – spiegano con un pizzico di orgoglio gli stessi promotori – che un movimento politico costituente sottopone a deliberazione collettiva anche la questione del nome e del simbolo, di solito posta nelle mani di pochi esperti di comunicazione e marketing politico”. E, continuano: “Questo passaggio ci è parso coerente con lo spirito inclusivo e partecipativo con cui stiamo portando avanti tutto il percorso di creazione del nostro nuovo soggetto politico ecologista e civico. Dopo il Seminario tenuto ai primi di settembre ad Alcatraz (Gubbio) su “Disarmo, diritti umani, immigrazione e cooperazione”, prosegue infatti il percorso di elaborazione partecipata dei contenuti programmatici”.

Alla consultazione partecipata potranno prendere parte le donne e gli uomini, di età superiore ai 16 anni, italiani o stranieri residenti in Italia, che abbiano sottoscritto i due appelli originari “Io cambio” e “Abbiamo un sogno”, o la carta degli intenti degli Ecologisti e Civici. I documenti sono consultabili sul sito internet ecologistiecivici.it, dove nell’apposita sezione “primarie” si possono vedere i quattro simboli concorrenti, assieme al regolamento delle primarie e alla mappa dettagliata dei seggi che verrà aggiornata continuamente. Sul sito è disponibile inoltre la scheda per il voto via fax (sempre per le giornate del 29 e 30 ottobre).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Berlusconi: “L’Euro non ha convinto nessuno”
Poi ci ripensa: “Sono stato frainteso”

next
Articolo Successivo

Cara opposizione, serve la lettera alternativa

next