Alla fine il Consiglio di Stato si è pronunciato: la sospensione dei lavori va annullata, “l’aeroporto Canova riaprirà a dicembre”. E’ una tegola che fa male, quella arrivata pochi giorni fa da Roma. Fa male specialmente ai cittadini del Comitato aeroporto Treviso che dal Consiglio di Stato si attendevano ben altra pronuncia. Erano stati loro, l’estate scorsa, a fare ricorso al Tar del Veneto per chiedere uno stop ai lavori di potenziamento delle piste mancando, nel progetto, la Valutazione di impatto ambientale. Promotrice del piano era stata la società che, tramite l’Enac, gestisce l’Antonio Canova: l’Aer Tre Spa, controllata dalla Save, la stessa dello scalo Marco Polo di Venezia. In quell’occasione il Tar aveva dato ragione al Comitato e così, dalla scorsa estate, l’aeroporto dei voli low cost, situato in una zona molto popolosa tra i comuni di Quinto e Treviso, circondato fittamente da villette, appartamenti e attività commerciali e a ridosso della pregevole area naturalistica del Parco del Sile, era stato chiuso, e i lavori di ampliamento sospesi.

Ma per il Consiglio di Stato, che ha accolto il ricorso con cui l’Enac chiedeva il rigetto della sospensiva del Tribunale amministrativo regionale, la mancanza della Valutazione di impatto ambientale non pregiudica il rifacimento della pista di atterraggio e le ruspe, quindi, possono tornare regolarmente al lavoro. “A parte il fatto che le ruspe non hanno mai smesso di operare, nemmeno dopo la sospensiva del Tar – commentano oggi, delusi ma non rassegnati, i componenti del Comitato – quella dell’Enac è una vittoria di Pirro”. La battaglia è cominciata qualche anno fa e, a loro dire, è stata “silenziata” dai “potenti” (Aer Tre e Save, appunto) che, invece, hanno continuato a fare la voce grossa per riuscire a portare a termine i lavori. Ciò significa poter incrementare il traffico aereo, oggi fissato dal ministero all’Ambiente in 16 mila e 300 voli all’anno.

L’acceso confronto va avanti. E lo fa nonostante che, da qualche tempo, all’indirizzo del presidente, Dante Nicola Faraon, e di altri membri, abbiano cominciato ad arrivare delle lettere di minaccia e alcune frasi ingiuriose siano nel frattempo comparse sui muri dei loro paesi. “Sono anni – spiega Faraon – che la Save/Aer Tre a Treviso sfora la soglia dei voli consentiti; sono anni che il traffico passeggeri aumenta e nessuno controlla: è ora che anche a Treviso il Tribunale inizi un’indagine conoscitiva per appurare se c’è stata infrazione oppure no. Quanto all’annullamento della sospensiva, ci sentiamo comunque noi i vincitori morali, dato che il ministero a maggio ha detto chiaramente che, a Treviso, i voli anche con la nuova pista non potranno aumentare. E questo indipendentemente dal responso del Tar, previsto per il 19 gennaio prossimo”. Vale a dire al termine dei lavori di potenziamento della pista.

La tegola del Consiglio di Stato fa comunque male. Al Comitato, tra l’altro, non sono piaciute le affermazioni del presidente della società veneziana, Enrico Marchi, il quale ha sostenuto che “in tanti anni abbiamo fatto bene grandi lavori importanti. Penso che anche stavolta abbiamo fatto ciò che dovevamo in modo appropriato. Il 5 dicembre la messa in sicurezza sarà completata e da questo inverno si potrà atterrare anche con la nebbia”. La replica dei cittadini è chiara: “Noi non abbiamo mai voluto la chiusura definitiva dell’aeroporto, ma abbiamo detto no al potenziamento della struttura e, cosa più importante, abbiamo voluto e vogliamo difendere i diritti della collettività e far rispettare le regole anche ai potenti. Per noi Save ha perso”.

Tuttavia, dopo il via libera del Consiglio di Stato, la strada, per il combattivo Comitato, sembra farsi più tortuosa. La Save, che perdente non si sente affatto, ha già comunicato di voler chiedere all’Enac di aumentare una volta per tutte il numero dei voli e, in definitiva, di far partire quel meccanismo destinato a portare il numero dei passeggeri dagli attuali 2 milioni ai 4 milioni previsti per il 2050. “Ogni milione di passeggeri in più – ha affermato soddisfatto Enrico Marchi – significa, tra diretti e indotto, mille posti di lavoro in più. Save punta su Treviso: abbiamo sempre detto a Ryanair che i voli economici devono restare a Treviso, non passare a Venezia”. Belle parole, buone intenzioni e rosei progetti che il Comitato continua a guardare con sgomento. La salute dei cittadini, dicono, vale molto di più.

di Monica Zornetta

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Parcheggi: una lezione di buon senso da Milano

prev
Articolo Successivo

Bonifica di Pioltello, Luigi Pelaggi
ascoltato in Commissione ecomafie

next