Un errore di manipolazione di un recipiente contenente plutonio, caduto a terra: questa l’origine dell’incidente avvenuto ieri pomeriggio (ma comunicato solo oggi) nell’impianto di smaltimento di rifiuti nucleari Belgoprocess, a Dessel, in Belgio, durante l’ispezione annuale condotta dall’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) e dall’Euratom, l’organismo europeo dell’energia atomica. Tre i contaminati: trattasi di un ispettore Onu e di altre due persone, tutte sottoposte a controlli medici. La notizia è stata diffusa oggi dall’Aiea, che ha anche precisato come non ci sia stata una fuga radioattiva all’esterno.

L’ispettore dell’agenzia internazionale per l’energia atomica si trovava all’interno dell’impianto insieme a un collega di Euroatom e da un funzionario di Belgoprocess per una ispezione di routine quando è accaduto l’incidente. I tre hanno lasciato la zona non appena si è verificato il problema, si sono sottoposti alla decontaminazione esterna e ai controlli medici. E’ ora in corso la valutazione della loro esposizione alle radiazioni. Non vi sono tuttavia state fughe di radioattività nell’ambiente e e inizierà presto la decontaminazione del sito. L’area è stata sigillata. Il centro per gli incidenti e le emergenze dell’Aiea è in contatto con i funzionari belgi per raccogliere informazioni sull’esposizione alle radiazioni, il materiale coinvolto e altri dettagli.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riscaldamento globale… locale

next
Articolo Successivo

Fukushima, disfunzioni tiroidee nei bambini. E il livello di radioattività è ancora alto

next