Il Giappone dirà addio all’atomo: il premier giapponese, Naoto Kan, ha affermato che dopo il disastro di Fukushima il Paese deve “ridurre gradualmente la dipendenza dall’energia nucleare” per puntare sulle energie rinnovabili. “Punteremo a diventare un Paese che può esistere senza energia nucleare”, ha assicurato.

Quattro mesi dopo il terremoto e lo tsunami dell’11 marzo che hanno provocato il più grave incidente nucleare dopo Chernobyl, Kan ha comunicato i piani per il superamento dell’energia atomica in una conferenza stampa trasmessa in diretta tv. Il premier ha ricordato che nonostante il blocco di 35 reattori nucleari su 54, il Giappone “ha una produzione energetica sufficiente per l’estate e per l’inverno”.

“Tenuto conto della gravità dei rischi” emersi con l’incidente di Fukushima, ha ammesso Kan, “ho realizzato che non possiamo andare avanti sul presupposto che si debba solo ricercare una sicurezza per il nucleare”.

L’annuncio rappresenta un passo ulteriore rispetto alla revisione già decisa dal governo del piano energetico nazionale per ridurre la dipendenza dall’energia atomica e prefigura la chiusura di tutte le centrali atomiche, sia pure senza che venga fissata una scadenza.

Parlando dell’incidente di Fukushima, Kan ha affermato che “ci potrebbero volere cinque, dieci anni o anche più per il definitivo smantellamento dei reattori”. Il premier, sotto pressione politica per le inefficienze nella risposta al disastro di Fukushima, punta a fare delle rinnovabili “un pilastro centrale” del nuovo mix energetico del Giappone, con l’avvio già in questi giorni di un dibattito in Parlamento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La natura vive e ci sopravvive

next
Articolo Successivo

Caccia alle balene:
è ora di finirla

next