19.28 – Aiea: “Dubbi su funzionamento pompe Fukushima”

“Non è ancora chiaro se le pompe dell’acqua sono state danneggiate o se funzioneranno quando l’elettricità verrà riattivata”. Lo ha detto Graham Andrew dell’Aiea nella sede Onu di Vienna durante il briefing giornaliero di aggiornamento sulla situazione della centrale nucleare danneggiata di Fukushima Daiichi. Lo scienziato ha aggiunto che la speranza è quella di poter ripristinare, già nella giornata di oggi, la corrente del reattore 2 dell’impianto. Intanto il ministro dell’industria Banri Kaieda ha annunciato che il Giappone invierà un proprio rappresentante al Meeting board della Aiea in programma lunedì a Vienna per fare il punto sulla crisi nucleare provocata dal terremoto.

18.45 – A breve acqua per raffreddare reattore 4

Le truppe della Self-DefenseForces, le Forze armate nipponiche, torneranno tra poche ore a ‘bombardare’ di acqua il reattore n.4 della centrale di Fukushima. Lo riferiscono i media giapponesi, secondo cui l’operazione partirà alle ore 06:00 locali (le 22:00 di sabato in Italia). L’operazione, in particolare,potrebbe essere il segnale positivo che ci sono i presupposti per lavorare alla costruzione di un circuito di raffreddamento più stabile e alla messa in sicurezza del reattore n.4. Oggi, il ministro della Difesa, Toshimi Kitazawa, ha riferito che la temperatura di superficie dei reattori dall’1 al 4 era di 100 gradi o meno, al di sotto comunque di quanto temuto.

17.44 – Allarme per 6 operai Tepco contaminati da radiazioni

Sei lavoratori dell’impianto nucleare di Fukushima Daiichi impegnati nelle operazioni di emergenza sono stati sottoposti ad un livello eccessivo di radiazioni. E’ quanto riferisce l’agenzia giapponese Kyodo citando una fonte della compagnia Tokyo Electric Power. L’azienda precisa che gli operai stanno comunque continuando a lavorare perché non mostrano segni evidenti di contagio. Il governo e la protezione civile giapponese hanno dichiarato che circa 50 vigili del fuoco di Tokyo impegnati nella centrale sono stati decontaminati dopo che sono intervenuti, con un’operazione di raffreddamento, sul pericoloso reattore 3 della centrale di Fukushima.

17.36 – Tecnico russo: “Situazione sotto controllo”

Un alto dirigente dell’Agenzia atomica russa, da poche ore tornato dal Giappone, ha riferito al premier Vladimir Putin che la situazione alla centrale di Fukushima 1 “dal mio punto di vista è assolutamente prevedibile” e dunque “è sotto controllo”. Lo riferisce l’agenzia Interfax.La segnalazione a Putin e’ statafatta da Vladimir Asmolov, vicedirettore generale del gestore di impianti nucleari russi Rosenergoatom, mentre il premier si trova in visita nella più grande isola russa a nord del Giappone, Sakhalin.“In altre parole”, ha chiesto Putin, “nonostante tutti i problemi” che i giapponesi “hanno avuto affrontando la cosa, stanno mettendo la situazione sotto controllo?”. “Sì”, ha risposto l’alto funzionario. Incalzato da domande del premier, riferisce ancora l’agenzia Interfax, Asmolov si è detto “assolutamente certo” che “non ci dovrebbero essere altre morti” sebbene “vi siano dei rischi a causa del livello abbastanza alto delle radiazioni”.

17.15 – Aiea: “Situazione Fukushima invariata rispetto a ieri”

La situazione alla centralenucleare accidentata di Fukishima Daiichi è pressochè invariata rispetto a ieri, secondo quanto indicato a Vienna da un responsabile dell’Agenzia atomica internazionale (Aiea).
In un briefing oggi per la stampa nella sede dell’Onu a Vienna, l’esperto Graham Andrew, in sostituzione del direttore generale Yukiya Amano che ancora non è rientrato dalla sua missione in Giappone, ha aggiunto che si spera di poter ripristinare oggi la corrente al reattore 2 dell’impianto ma che non si sa al momento “se le pompe dell’acqua sono danneggiate e se funzioneranno quando l’elettricità sarà riattivata”.

15.10 – Ministero: stop a vendita cibi provenienti da Fukushima

Il ministero della Sanità nipponico ha ordinato lo stop della vendita di alimenti provenienti dalla prefettura di Fukushima. Lo ha annunciato l’Aiea da Vienna, dopo il rilevamento di radioattività in latte e spinaci prodotti nella zona della centrale nucleare. Intanto, come già accaduto nella capitale, “piccolissime quantità di materiale radioattivo” sono state rinvenute nell’acqua potabile di Gunma, la prefettura confinante con Fukushima, secondo quanto riferito dall’agenzia Jiji. Resta da chiarire come le particelle radioattive abbiano raggiunto l’acqua potabile di Gunma e se provengano dalla centrale nucleare o da ospedali e laboratori. Il governo locale della prefettura ha comunque sostenuto che il livello radioattivo dell’acqua di Gunma è al di sotto dei valori limite.

14.44 – Esperto francese – “Situazione rimane preoccupante”

La situazione all’impianto nucleare giapponese di Fukushima “resta preoccupante”. Lo ha affermato Jean-Christophe Niel, direttore generale dell’Agenzia sdi sicurezza nucleare francese secondo cui “dopo una settimana di peggioramento ora le cose si stanno stabilizzando ma tutto resta precario”. Ad esempio il reattore numero 3 è stato seriamente danneggiato e le sue piscine di contenimento non potranno più tornare come prima. Per quanto riguarda il reattore numero quattro il problema restano le barre di combustibile che hanno un calore a livelli altissimi. Le barre sono state anche estratte e refrigerate nella piscina ma la situazione non è ancora tornata alla normalità.

12.08 – Corea del Sud, Giappone e Cina tengono meeting su sicurezza nucleare

La Corea del Sud, il Giappone e la Cina hanno concordato oggi di lavorare insieme nella gestione dei disastri e nella sicurezza nucleare. Lo hanno deciso i ministri degli esteri dei tre paesi che si sono incontrati a Kyoto, secondo quanto riferisce l’agenzia Yonhap. I tre ministri, il sudcoreano Kim Sung-hwan, il giapponese Takeaki Matsumoto e il cinese Yang Jiechi, hanno tenuto oggi un meeteng annuale sul nucleare, nonostante la crisi di questi giorni in Giappone a seguito del violento sisma.

12.20 – Radiazione nell’acquedotto di Tokyo

Tracce di iodio radioattivo sono state trovate nell’acqua di rubinetto a Tokyo e in altre aree limitrofe. Lo riferisce l’agenzia Kyodo.

09.03 – Spinaci e latte contaminati

Nelle immediate vicinanze della centrale di Fukushima sono state rilevate alte dosi di radiazioni nel latte e negli spinaci coltivati. Lo hanno riferito le autorità giapponesi, secondo le quali sarebbero contaminati i tre quarti del raccolto agricolo. Il portavoce del governo, Yukio Edano, ha sostenuto che il livello di contaminazione dei prodotti alimentari non comporterebbe rischi per la salute.

07.58 – Tepco: ripristinata elettricità a Fukushima

Il gestore della centrale nucleare di Fukushima è riuscito a ripristinare l’elettricità nel sito danneggiato dal terremoto, un passo importante per cercare di riattivare le pompe di raffreddamento dell’impianto. In giornata l’elettricità è tornata nei reattori 1,2 ,5 e 6 mentre domenica dovrebbe essere riattivata nei reattori 3 e 4. Intanto le autopompe speciali dei vigili del fuoco di Tokyo hanno ripreso a sparare acqua sul reattore numero 3. Solo nella giornata di venerdì  sull’impianto nucleare sono state gettate 50 tonnellate di acqua marina.

INDIETRO

Fukushima, radiazioni elevate da nucleo 3 Sarkozy: “Chiuderemo le centrali non sicure”

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La Palestina è fuori moda

prev
Articolo Successivo

La rivolta dei “pacifisti” berlusconiani

next