Arrivano il 6 del mese, le dichiarazioni di Enzo Boschi a proposito delle scosse di terremoto: “Stiamo valutando di smettere di informare, e di non rendere raggiungibili i nostri dati via Web, perché vengono usati per arrivare a conclusioni che non stanno né in cielo né in terra.

Il 6 del mese, giorno che all’Aquila è dedicato al presidio della memoria per il terremoto del 6 aprile 2009.

E continua, Boschi, con una dichiarazione che troverà naturalmente consensi: “La colpa è dei giornalisti“. E poi, ovviamente, degli enti locali che non controllano.

Il direttore dell’INGV condivide e completa le dichiarazioni di Guido Bertolaso: il Capo Dipartimento di Protezione civile attacca, al Congresso della Società Geologica Italiana, i “profeti di sventura” e la “società dello spettacolo“. Il che, per un politico-comunicatore come lui, è davvero paradossale.

Questo scambio ammiccante fra INGV e Protezione civile – che segna forse una tregua politica, dopo che Boschi e Bertolaso si erano duramente attaccati in un passato molto recente – si svolge mentre nei Monti Reatini si intensificano i fenomeni sismici e, giustamente, la popolazione si preoccupa che vengano prese misure preventive.

Allora, a costo di essere pedanti e dilungarsi, proviamo a tracciare un ragionamento che dovrebbe rispondere per l’ennesima volta ai Boschi e ai Bertolaso, basandosi su fatti. Fatti che, troppo spesso, lasciano il posto a presunte notizie. Come se le dichiarazioni fossero davvero notizie.

I compiti di Protezione civile iniziano con “previsione” e “prevenzione”.
Sono compiti ascritti in vario modo alla piramide della Protezione civile, dagli enti locali ai vertici. Nessuno chiede al dipartimento o alla comunità scientifica di prevedere giorno e ora e luogo di un terremoto. Si chiede una stima probabilistica, un’analisi delle strutture, una messa in sicurezza di quelle a rischio.
Lo si chiede a ciascuno secondo le proprie competenze, in maniera sinergica e senza il classico gioco allo scaricabarile.

Per esempio, come già fatto qualche giorno fa, mi preme chiedere, ancora una volta: dell’impiego dei 129 milioni di euro stanziati per la messa in sicurezza degli edifici nella Sicilia orientale, esiste una rendicontazione?
E quali altre operazioni di prevenzione antisismica e di messa in sicurezza sono state avviate sul territorio italiano?
Ne esiste una stima precisa?
E siamo proprio certi del fatto che non informare sulle scosse sia un vantaggio per le popolazioni di aree a rischio sismico? Personalmente, nutro forti dubbi in merito.

Domande e dubbi. Giornalistici, non da società dello spettacolo.

Che al giornalismo medio piaccia l’allarmismo, è cosa nota.
Ma tutto sommato, pare che Boschi e Bertolaso non lo disdegnino, quel giornalismo medio. Quando permette loro di scambiarsi pacche amichevoli e fare show a colpi di dichiarazioni, che non sono notizie.

Per conoscere meglio Alberto Puliafito clicca qui

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pollica, dove il buon senso sembra rivoluzione

next
Articolo Successivo

Dell’Utri a Como ci riprova con i diari
Questa volta a contestarlo c’è Forza Nuova

next