Dopo il terremoto alle Eolie, ecco che a Palermo la terra trema. Che dice, Bertolaso?

Palermo, e prima la Sicilia orientale. Stiamo parlando di una delle zone italiane che si trova nel celeberrimo studio del 1999 in cui si individuano le aree in cui è atteso un evento sismico importante. Lo stesso studio che individuava l’area dell’aquilano come a forte rischio.

Il che richiama i primi due compiti di Protezione Civile: previsione e prevenzione. Senza voler far le cassandre, senza voler essere allarmisti, pare utile chiedere a Guido Bertolaso come stiano funzionando, questi due compiti in Sicilia.

Previsione e prevenzione. Ripetiamolo come un mantra.
Prima.
Non dichiarazioni a effetto dopo.

In rete si trova un documento a firma Barberi Franco, Bertolaso Guido, Boschi Enzo. Il triumviro degli esperti in tema di Protezione civile e terremoti, in teoria. E’ un documento dal titolo: “Difendersi dai terremoti: la prevenzione sismica in Italia”.
Proprio quel che cercavamo, giusto? Bene. Vi si legge, fra l’altro:

[…] in Sicilia orientale, dove il Dipartimento della Protezione Civile e la Regione hanno varato nel 2000-2001 il primo intervento di miglioramento delle caratteristiche del patrimonio edilizio privato, con una rimodulazione dei fondi della legge n. 433/1991. Intervento importante per la quantità di risorse stanziate (129 milioni di Euro) e per la metodologia e le procedure adottate, in particolare quelle relative ai criteri di priorità  e alle tipologie degli interventi.

Sarebbe interessante che venisse reso pubblico un rendiconto del Dipartimento e della Regione Sicilia per conoscere lo stato dell’arte dei lavori eseguiti con quei 129 milioni di Euro.
E’ legittimo chiederlo, questo resoconto.
Ed è doveroso relazionare in merito, Sottosegretario Bertolaso. Senza toni trionfalistici, con realismo e trasparenza.

Poi ci sarebbe anche il mastodontico Censimento di vulnerabilità degli edifici pubblici, strategici e speciali nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia e Sicilia.
Il 6 aprile 2009 gli edifici dell’Aquila contenuti nel censimento crollarono.
Previsione perfetta. Prevenzione non pervenuta.

Com’è la situazione, in Sicilia? Gli strumenti teorici ci sono. Sono stati applicati?
E ancora, dottor Bertolaso, ma anche Governatore della Regione Sicilia, ma anche sindaci tutti – è bene ricordare che i sindaci sono le prime autorità in materia di Protezione civile – a che punto sono, i piani di protezione civile? I piani di evacuazione? Le aree di ammassamento materiali e mezzi? Sono state individuate le aree d’accoglienza? Insomma: in Sicilia orientale (ma anche altrove, sia chiaro), stanno funzionando, previsione e prevenzione?

E’ bene saperlo.
Perché magari poi è tutto a posto. Magari non succede nulla.
Ma non si vorrebbe che Bertolaso avesse di nuovo a dichiarare, dopo un evento catastrofico, che sa di chi sono le responsabilità pregresse; che si potevano salvare vite.
Senza poi rivelarle, queste responsabilità presunte di altri. Esattamente come ha fatto in Abruzzo.

Dal 1999 a oggi c’è stato tutto il tempo di agire.
Guido è al Dipartimento dal 2001. E c’è ancora tempo, verrebbe da dire.

Ecco perché chi ha seguito, quando tempo non ce n’era più, tutta la triste storia del terremoto dell’Aquila, chiede: Bertolaso, tutto a posto?

www.shockjournalism.info

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Immigrati, l’appello del Papa: “Bisogna accogliere gente di ogni nazione”

next
Articolo Successivo

Felice Maniero, da domani faccia
d’angelo torna a essere un uomo libero

next