Un esposto al Csm contro il procuratore capo di Caltanissetta Sergio Lari. Lo ha annunciato il sottosegretario agli Interni Alfredo Mantovano. L’esponente Pdl è anche presidente della Commissione sui programmi di protezione, l’organismo che lo scorso 15 giugno aveva negato il rinnovo del programma di protezione a Gaspare Spatuzza, il pentito che l’anno scorso aveva riferito ai magistrati di un presunto accordo fra Cosa nostra e Berlusconi e Dell’Utri.

La decisione del sottosegretario è maturata stamane dopo avere letto un articolo sulle pagine del Corriere della Sera, in cui si riportava un virgolettato del procuratore capo di Caltanissetta che diceva come le parole del suo collega Domenico Gozzo non si riferissero alla politica in generale “Ma alla mancata concessione dello status di collaboratore a Gaspare Spatuzza. Forse ce l’ha con Mantovano”.

Apriti cielo. Il sottosegretario si dice sconcertato per la superficialità con cui, certi magistrati “Rilasciano dichiarazioni seguite da altrettanto improvvide correzioni di rotta”. E chiede al Csm di valutare l’opportunità di richiamare “I magistrati al riserbo e al rispetto delle istituzioni.”

Nonostante anche il Guardasigilli Angelino Alfano abbia letto lo stesso pezzo sul giornale, le sue dichiarazioni sul magistrato di Caltanissetta sono diametralmente opposte a quelle del suo collega di governo. “Lari è una persona seria e ha chiarito la questione – ha detto il ministro della Giustizia augurandosi che – le parole di Lari servano a quei magistrati che invece di cercare la verità fanno sociologia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Salvate il soldato “Fofò”

prev
Articolo Successivo

Bavaglio, non cadiamo nella trappola

next