Ma se vi avessero detto qualche anno fa che un giorno avreste letto siffatta notizia? “Arrrestato il faccendiere piduista Flavio Carboni. Voleva condizionare i giudici della Consulta assieme al noto pluricondannato per fatti di mafia (in primo e secondo grado) Marcello Dell’Utri. I due avevano anche tentato di candidare alla presidenza della Regione Campania Nicola Cosentino, scampato a un mandato di cattura perchè onorevole, indicato dai pentiti della camorra come cosa loro…”.

Bene, adesso l’avete letta. Carboni da giovedì è in galera. Dell’Utri e Cosentino no. Quando la realtà supera l’immaginazione e la decenza, forse è il caso di rimboccarsi le maniche. Dimenticavo: come commenta il maggior partito d’opposizione questa notizia? “Il governo riferisca in Parlamento!”. No, Bersani. Quando nel governo s’intrecciano interessi mafiosi, piduisti e camorristi, il governo deve riferire solo davanti a un tribunale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Caliendo: “Non ho fatto pressioni su Csm”
ma dice di aver espresso preferenze per Marra

next
Articolo Successivo

C’è un giudice (anche) a Messina

next