E’ la prova del buon lavoro di questi tre anni, avevano detto a denti stretti in Comune a Livorno. Ma il trasferimento dell’assessore al Bilancio Gianni Lemmetti dalla giunta di Filippo Nogarin a quella di Virginia Raggi ha l’effetto di un ulteriore scossone nei confronti dei Cinquestelle che rappresentano la maggioranza che sostiene il sindaco della città toscana. Altri due consiglieri sono pronti a lasciare il gruppo M5s e il Movimento a livello nazionale, anche se giurano che non faranno cadere il loro primo cittadino. Una situazione delicata perché Nogarin in consiglio può contare su un solo voto in più delle opposizioni, 17 a 16 sindaco compreso, dopo aver perso pezzo dopo pezzo per via di fuoriuscite legate a questioni diverse, tra le quali la crisi su Aamps di due anni fa. “A me di Grillo, Di Maio e Di Battista non frega niente – dichiara al Corriere della Sera uno dei “dissidenti” Alessio Batini – non si sposta, seppur consenziente, un assessore da Livorno a Roma come se fosse un calciatore. Lemmetti non è stato pagato dal M5S ma dai miei concittadini per fare un lavoro di 5 anni”, mentre “a Roma ci deve pensare chi si è candidato e ha vinto le elezioni per il Campidoglio”. Insomma: “Non si sacrifica Livorno che è piccola per salvare Roma che è grande, qui bisogna chiarire le cose altrimenti non si rimargina la ferita gravissima e io non ho più fiducia nel movimento nazionale”. Un pensiero che non è solo di Batini, ma che per il momento produrrebbe un’uscita dai Cinquestelle, rimanendo comunque in maggioranza. Il sindaco Nogarin – fanno sapere dal suo staff – per il momento resta in silenzio.

 

Secondo il Corriere i dissidenti sono tre: oltre a Batini, anche Edoardo Marchetti e Valter Sarais, sempre combattivi e leali alla causa grillina fino a questo momento e, anzi, energici nella difesa della “linea Lemmetti” proprio sul caso Aamps, la partecipata dei rifiuti accompagnata al concordato preventivo per un risanamento. Ilfatto.it ha cercato di contattarli, invano. Il capogruppo Marco Galigani spiega: “Al momento non risulta alcuna fuoriuscita ufficiale dal gruppo. Mi auguro che nelle prossime ore la situazione possa rasserenarsi. Le persone che starebbero meditando di uscire però sono due e non tre: Sarais mi ha confermato che non ha alcuna intenzione di fare passi indietro”. Ma anche i due dati in partenza non metterebbero Nogarin in minoranza, aggiunge Galigani: “Il malumore è rivolto ai vertici nazionali, non verso Nogarin. Marchetti e Batini continuerebbero a sostenere la giunta. Dal punto di vista politico cambierebbe assai poco”. Galigani non nega che la chiamata di Lemmetti a Roma abbia generato proteste nella maggioranza: “Gianni è stato chiamato a Roma per contribuire a salvare la città da molti anni di cattiva gestione politica. A Livorno è anche grazie a Lemmetti se siamo usciti dal baratro…”. E l’ex capogruppo Daniele Ceselli conferma: “Qualche malumore c’è, ma il gruppo consiliare resta coeso: la giunta non è in pericolo“.

A fornire una lettura diversa è proprio uno dei fuorusciti, Marco Valiani, ora in consiglio iscritto alla lista Livorno per tutti. La “mossa dei tre dissidenti – dice Valiani – è solo una bufala per far sganciare Nogarin da Livorno e lanciarlo alle Politiche“. Secondo Valiani il sindaco non avrebbe infatti alcuna intenzione di ricandidarsi alle amministrative del 2019: “Non lo voterebbe nessuno”. Il nome di Nogarin viene fatto dai giornali toscani anche come possibile candidato presidente alle Regionali del 2020, ma per il momento di ufficiale restano solo le parole che Nogarin pronunciò in un’intervista di giugno al Tirreno: quindi è intenzionato a ricandidarsi, gli chiesero? “Sì, però vediamo: ne riparliamo tra un anno“.

Foto LaPresse/Bianchi-LoDebole
13/05/2016 Firenze, Italia
politica
Livorno, consiglio comunale con il sindaco NogarinNella foto: sostenitori del sindaco Filippo Nogarin
Photo LaPresse/Bianchi-LoDebole
13/05/2016 Florence, Italypolitics
Livorno, City Council with the Mayor NogarinIn the pic: supporters

Al momento della storica elezione a sindaco di Nogarin il gruppo consiliare M5s era formato da 20 componenti più Nogarin, con uno scarto sulle opposizioni (di destra e di sinistra) di 9 voti. Ma in poco più di tre anni il gruppo si è sgretolato, anche per ragioni indipendenti dalla politica. Un anno dopo l’elezione morì per malattia il consigliere Pino Vitiello e al suo posto entrò il primo dei non eletti, cioè Valiani, che nel frattempo era già uscito dal Movimento, tanto da diventare sin dai primi suoi giorni in consiglio una vera e propria spina nel fianco dell’amministrazione comunale. Ma il primo terremoto politico fu quello di fine 2015, a causa della crisi di Aamps, con lo sciopero dei netturbini e le proteste in consiglio comunale. All’epoca a essere espulsi dal blog di Beppe Grillo – dopo un confronto non senza grida e lacrime – furono Giuseppe Grillotti, Alessandro Mazzacca e Sandra Pecoretti che votarono contro l’atto d’indirizzo della giunta sul concordato preventivo. Ora i tre formano il gruppo d’opposizione Livorno Libera. Da quel momento la maggioranza è rimasta in bilico, senza mai però dare l’impressione di crollare una volta per tutte. Da oltre un anno, per esempio, è considerato con le valigie in mano il consigliere Federico Agen, insegnante che per questioni personali deve dividersi tra Livorno e la Spagna. Ma per il momento il suo “pendolarismo” ha permesso di tenere in piedi Nogarin.