“Non ci sono riscontri che dimostrano passaggio di soldi con Gasparri e Romeo non ha mai incontrato né Tiziano Renzi, né Lotti o qualcuno del suo entourage”.  Lo hanno detto i difensori di Alfredo Romeo, poco prima di entrare nel carcere di Regina Coeli in occasione dell’interrogatorio di garanzia. Secondo i legali dell’imprenditore, gli avvocati Francesco Carotenuto, Giovanni Vignola e Alfredo Sorge, i cosiddetti “pizzini” sono “prove inutilizzabili”.