Undici mesi fa la soddisfazione di vincere l’Orso d’oro a Berlino, oggi Fuocoammare di Gianfranco Rosi è stato nominato nella cinquina finale per gli Oscar 2017. Il docufilm, girato a Lampedusa, era stato escluso dalla corsa come miglior film, ma oggi è arrivato il riscatto. L’opera, molto amata da Meryl Streep, se la dovrà vedere con gli altri documentari nominati: I am not your negro di Raoul Peck, Life animated di Roger Ross Williams, O.J.: Made in America di Ezra Edelman e 13th di Ava DuVernay.

Meryl Streep sponsor del docufilm su Lampedusa
L’attrice premio Oscar aveva motivato il riconoscimento tedesco al documentario per “la compassione che esprime verso i suoi personaggi unita alla sua forza cinematografica nel combinare una questione politica a un racconto squisitamente artistico, coraggioso e struggente. Gianfranco Rosi ci ha spiegato quanto può agire un documentario quando è così urgente, immaginativo e necessario”. “Difficile non essere banale ma la sostanza, inevitabilmente, è che la nomination di Fuocoammare è una grande gioia, una gioia immensa. Ho sentito Rosi, che è in Giappone per promuovere il film, ed è felicissimo. Una gioia immensa per lui, per noi e, mi permetto di dire, per il Paese” dice Paolo Del Brocco, ad di Rai Cinema, coproduttrice del film, all’Adnkronos. “La candidatura dell’Oscar è già una vittoria” dice Pietro Bartolo, il medico che dirige il poliambulatorio- “Una vittoria per un motivo molto semplice: attraverso il film la tragedia dei migranti finisce sotto i riflettori, chissà che non serva a scuotere le coscienze. Quando si è fatto Fucoammare tutta Lampedusa si è impegnata perché sentivamo che era giusto portare a tutti il messaggio di quello che avviene qui, mostrare la tragedia che si consuma ogni giorno nel Mediterraneo. Qui a Lampedusa da almeno 25 anni vediamo, viviamo questo fenomeno e cerchiamo di fare tutto il possibile, come lampedusani, come siciliani, come italiani. L’Italia, in materia di accoglienza, può dare lezioni a tutto il mondo”.

LA LA LAND COME TITANIC: 14 NOMINATION
Con 14 nomination La La Land di Damien Chazelle, che aveva inaugurato il Festival di Venezia incantando critica e pubblico, eguaglia il record per numero di candidature del Titanic di James Cameron (che poi ne vinse 11) e di Eva contro Eva di Joseph Mankiewicz (che ne portò a casa solo sei). Il musical nei giorni scorsi ha già sbancato i Golden Globes conquistando ben sette premi. Anche questa pellicola conferma il “teorema Venezia”: chi passa per il Lido poi va dritto a Los Angeles. 

I MIGLIORI FILM 
I candidati a miglior film sono Arrival, Barriere, La battaglia di Hacksaw Ridge, Hell or High Water, Il diritto di contare, La La Land, Lion, Manchester by the sea e Moonlight. Tra i migliori film in lingua straniera invece troviamo Land of mine (Danimarca), A man called Ove (Svezia), Il cliente (Iran), Tanna (Australia) e Vi presento Toni Erdamnn (Germania) che era stato molto apprezzato a Cannes.

LE ATTRICI
Le candidate alla statuetta alla migliore attrice protagonista sono Isabelle Huppert per Elle, Ruth Negga per Loving, Natalie Portman per Jackie, Emma Stone per La La Land e Meryl Streep per Florence alla sua ventesima candidaturaLe candidate al premio per la migliore attrice non protagonista sono Viola Davis per Barrier, Naomie Harris per ‘Moonlight’, Nicole Kidman per Lion, Octavia Spencer per Il diritto di contare e Michelle Williams per Manchester by the sea

I REGISTI
I candidati per la migliore regia agli Oscar 2017 sono Denis Villeneuve per Arrival, Mel Gibson per La battaglia di Hacksaw Ridge, Damien Chazelle per La La Land, Kenneth Lonergan per Manchester by the Sea e Barry Jenkins per Moonlight.

GLI ATTORI
A contendersi il premio per il miglior attore protagonista saranno Casey Affleck per Manchester by the seaAndrew Garfield per Hacksaw Ridge, Ryan Gosling per La La Land, Viggo Mortensen per Captain Fantastic, Denzel Washington per Barriere. Nella categoria non protagonisti troviamo Dev Patel per Lion, Michael Shannon per Animali notturni, Lucas Hedges per Manchester by the Sea, Jeff Bridges per Hell or High Water, Mahershala Ali per Moonlight

MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE
Nella cinquina finale per il miglior film d’animazione ci sono OceaniaLa mia vita da zucchinaKubo e la spada magica, Zootropolis, La tartaruga rossa.

MIGLIOR FOTOGRAFIA
I candidati per la migliore fotografia sono Arrival, La La Land, Lion, Moonlight e Silence.

MIGLIORI COSTUMI
Le nomination per i migliori costumi agli Oscar 2017 sono: Allied – Un’ombra nascosta, Animali fantastici e dove trovarli, Florence, Jackie e La La Land.

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO DOCUMENTARIO
i candidati per il migliore cortometraggio documentario agli Oscar 2017 sono: Extremis, 4.1 Miles, Joès Violin, Watani: My Homeland e The White Helmets.