Ci sono anche i favoriti Salvatore Ugo Forello, fondatore di ‘Addiopizzo’, e Igor Gelarda, leader del sindacato di polizia Consap, tra le cinque persone in lizza per ottenere la candidatura a sindaco di Palermo (si vota nel 2017) del Movimento 5 Stelle. Gli altri tre più votati sono Giulia Argiroffi, Tiziana Di Pasquale e Giancarlo Caparrotta. Il risultato è stato reso noto in un post sul blog di Beppe Grillo. Alle Comunarie hanno partecipato 524 iscritti certificati residenti a Palermo che hanno espresso 2.233 preferenze. I cinque che hanno ricevuto più voti accedono al secondo turno per la scelta del candidato sindaco.

L’avvocato Forello, storico esponente dell’associazione antiracket, è stato accusato in un esposto spedito alla procura e all’ordine degli avvocati di Palermo dai parlamentari Riccardo Nuti, Giulia Di Vita e Claudia Mannino di “aver pilotato delle dichiarazioni” contro di loro, nell’ambito dell’inchiesta sulle firme false che vede i tre indagati. Il sindacalista Gelarda è noto per aver accusato l’allora ministro degli Interni Angelino Alfano di non fornire le tute antiscabbia ai poliziotti.

“La votazione per il candidato sindaco avverrà nelle prossime settimane dopo che si terranno le ‘graticole‘”, confronti con domande “a cui i candidati sindaco sono tenuti a partecipare”, si legge sul blog. Gli iscritti residenti a Palermo avevano a disposizione cinque preferenze da esprimere tra le ore 10 e le 19, scegliendo tra 79 candidati. I 40 più votati saranno candidati al consiglio comunale nella lista del Movimento. Esclusi i primi cinque, il più votato con 77 preferenze è Santi Tedesco, un dirigente di 42 anni, come si legge nella lista pubblicata in fondo al post.

Sulla piattaforma Rousseau gli iscritti hanno votato anche sul programma Energia e sulle proposte ‘Lex iscritti’. Al quesito sullo stop all’importazione dell’energia nucleare durante l’arco della legislatura di governo del Movimento 5 Stelle “hanno votato in 18.827 e No in 2.521″, si legge sul blog. Per quanto riguarda le proposte che arrivano dagli iscritti, il post annuncia che “le prime due leggi più votate che saranno portate in Parlamento dai portavoce del Movimento 5 Stelle sono: Tfr erogato dall’Inps dopo il licenziamento a prescindere dal fallimento” e “intervento per il controllo diretto sul Gioco in Italia”.