Lezione con l’imam martedì 8 marzo alla scuola media “Antonio Pertile” di Agordo in provincia di Belluno. Al posto di fare matematica, storia o geografia, per una volta, i ragazzi delle prime classi della scuola diretta da Bernardino Ciocchetti incontreranno Kamel Layachi, responsabile del dipartimento di formazione e dialogo interreligioso.

Un incontro che, ancora prima di essere realizzato, ha già scatenato le polemiche. Di alcuni genitori ma soprattutto dell’assessore regionale all’istruzione, della giunta leghista di Luca Zaia, Elena Donazzan di Forza Italia - nota per aver inseguito un ladro che aveva tentato di rubarle la bicicletta: “Un marocchino di m…”, scrisse su Facebook – che adesso promette battaglia per impedire questa lezione. E a ilfattoquotidiano.it dice: “Farò di tutto perché l’imam non vada in aula. In questo momento storico è inopportuno invitare un predicatore a scuola soprattutto dopo quello che è accaduto in Veneto. In una classe a parlare a dei minori si entra se hai determinate caratteristiche, questo preside ha fatto una forzatura. Tra l’altro la direttrice dell’ufficio scolastico provinciale non ne sapeva nulla. Chiederò immediatamente un’ispezione all’Antonio Pertile per capire le motivazioni di questa scelta e come mai sia stata individuata questa persona per parlare con i ragazzi”.

Una decisione, quella di invitare Kamel Layachi, che ha destato qualche perplessità anche tra i genitori che nei giorni scorsi hanno ricevuto il seguente messaggio sul libretto personale dei loro figli: “Martedì 8 marzo dalle 9 alle 10 incontro con l’imam Kamel nell’ambito del progetto educazione alla mondialità, pace e solidarietà”.
Quelle poche righe hanno fatto alzare gli scudi ad un gruppo di mamme e papà. A spiegare il tutto ci ha pensato il dirigente che all’emittente agordiana “Radio Più” ha detto: “La scuola non era tenuta a chiedere le autorizzazioni alle famiglie come impropriamente è stato detto o capito malamente da alcuni genitori. C’è stato un malinteso con le famiglie, legato alla presunta richiesta di autorizzazione agli studenti per la partecipazione all’incontro; il progetto è stato proposto dalla referente del progetto mondialità, pace e solidarietà che ha l’ ‘imprimatur’ del ministero dell’Istruzione e degli uffici periferici. Non è pervenuta dalle famiglie alcuna domanda al riguardo. L’incontro come tutte le altre opportunità offerte dalla scuola, ha caratteristiche culturali e non certo di indottrinamento”.

Dall’altro canto secondo Ciocchetti l’iniziativa è stata approvata dai docenti e presentata agli organi collegiali. La lezione a scuola fa parte di un percorso che vedrà di nuovo l’imam Kamel protagonista il 12 aprile presso la casa parrocchiale. Una serata alla quale presenzierà anche il sindaco di Agordo, Sisto Da Roit, che sulla vicenda dell’ora con gli studenti butta acqua sul fuoco: “Si tratta di un’iniziativa all’interno dell’offerta formativa proposta dalla scuola che l’ha gestita secondo le proprie indicazioni. Il confronto è sempre positivo. Rispettiamo l’autonomia scolastica. Ho incontrato anche ieri sera alcune famiglie della scuola che non mi hanno espresso alcuna contrarietà in merito, sono molto sereni”. A benedire la lezione con Kamel Layachi è anche Monsignor Giorgio Lise, arcidiacono del paese che a “Radio Più” ha dichiarato: “Se viene chiamato un imam per spiegare il suo modo di vedere il rapporto con un Dio di un’altra religione non trovo nulla per cui stracciarsi le vesti”.