I giornalisti Emiliano Fittipaldi e Gianluigi Nuzzi, autori dei libri “Avarizia” e “Via crucis“, sono indagati nell’ambito dell’inchiesta vaticana sulla fuga di documenti riservati della Santa Sede. “La gendarmeria vaticana – ha riferito il direttore della sala stampa, padre Federico Lombardi – nella sua qualità di polizia giudiziaria, aveva segnalato alla magistratura vaticana l’attività svolta” dai due cronisti “a titolo di possibile concorso nel reato di divulgazione di notizie dei documenti riservati previsto dalla legge numero IX del 13 luglio 2013 (articolo 116 bis del Codice penale)”. Il portavoce vaticano ha inoltre spiegato che “nell’attività istruttoria avviata, la magistratura ha acquisito elementi di evidenza del fatto del concorso in reato da parte dei due giornalisti che a questo titolo sono ora indagati”. Padre Lombardi ha infine fatto sapere che “sono all’esame degli inquirenti anche altre posizioni di persone che per ragioni di ufficio potrebbero aver cooperato all’acquisizione dei documenti riservati in questione”.

“Quando il giornalismo d’inchiesta scoperchia scandali e segreti che il potere, anche quello temporale del Vaticano, vuole tenere nascosti, quel potere si difende, contrattaccando – ha detto Fittipaldi al sito dell’Espresso una volta appresa la notizia -. Ma è un rischio che fa parte del mio mestiere”. Prima di avere la conferma che si trattasse di un’inchiesta vaticana, il giornalista aveva detto all’AdnKronos: “Non mi risulta ci siano rogatorie internazionali. Credo si tratti di un’inchiesta vaticana all’interno di Vatileaks“. E ancora: “Non una riga del mio libro è stata smentita. Non conosco comunque quali siano eventuali capi di imputazione, non so se vorranno processarmi”.

L’origine dell’inchiesta – Il caso è esploso alla vigilia dell’uscita nelle librerie dei due titoli quando, a seguito della fuga di notizie, la Gendarmeria vaticana ha arrestato monsignor Lucio Angel Vallejo Balda e Francesca Chaouqui – poi rimessa in libertà – che in passato erano stati rispettivamente segretario e membro della Commissione referente di studio e indirizzo sull’organizzazione delle strutture economico-amministrative della Santa Sede, istituita dal Papa nel luglio 2013 e successivamente sciolta dopo il compimento del suo mandato. In “Avarizia” (Feltrinelli) il giornalista de L’Espresso Fittipaldi racconta ricchezza, scandali e segreti della Chiesa di Francesco, basandosi su documenti della Cosea, la commissione creata da Bergoglio per fare chiarezza nelle finanze vaticane.

Indagine del Vaticano sul documento Apsa – Sulla fuga di notizie anche Bergoglio è intervenuto duramente: “Rubare documenti è reato, un atto deplorevole”, ha detto durante l’Angelus dell’8 novembre, rompendo così il silenzio sull’oggetto delle due pubblicazioni. E nel mirino della giustizia vaticana nel frattempo sono finite anche altre carte. L’Autorità giudiziaria vaticana ha aperto un’indagine in merito alla diffusione del documento riguardante l’Apsa, l’organismo vaticano competente per l’Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica. Lo ha riferito ancora padre Lombardi, sottolineando che “l’Apsa ha sempre collaborato con gli organi competenti, non è sotto indagine e continua a svolgere la propria attività nel rispetto della normativa vigente”. L’indagine è legata alla diffusione di un documento confidenziale, che era riservato, e che ipotizzava che in passato l’Apsa sia stata strumentalizzata per un’attività finanziaria illecita. Per questo il promotore di giustizia vaticano, in seguito a un rapporto dell’Autorità di informazione finanziaria, aveva indagato il banchiere italiano Gianpietro Nattino per operazioni di compravendita titoli e transazioni.

Propaganda Fide respinge le critiche – Sul piede di guerra anche Propaganda Fide che si è vista in questi giorni su molti organi di stampa per l’utilizzo delle sue case. Annunciando che se questo tipo di notizie continueranno ad essere diffuse si riserva di tutelarsi nelle sede competenti, la Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli respinge le critiche. “Risultano inaccettabili certe insinuazioni fatte da parte di alcuni media che diffondono notizie non rispondenti al vero”. E la stessa Congregazione cita le affermazioni a suo avviso false: affitti a prezzi di favore, case trasformate in sauna, fino alla notizia che la Congregazione sia proprietaria dell’Hotel Priscilla. La risposta è che “la totalità degli immobili della proprietà della Congregazione sono affittati a prezzi di mercato”, a parte “eccezioni per motivi di situazioni di indigenza”. Secondo: “Il reddito derivante dalla locazione degli immobili” è utilizzato per finanziare le missioni e le università pontificie Urbaniana e Collegio Urbano. Terzo: su questi immobili “vengono regolarmente pagate le imposte in Italia e per l’Imu nel 2014 il dicastero ha versato 2.169.200 euro, solo per Roma Capitale“.

Nei giorni scorsi il direttore di Radio Maria, padre Livio Fanzaga, aveva pesantemente attaccato Nuzzi e Fittipaldi dai microfoni dell’emittente. “Li impiccherei aveva detto, aggiungendo: “Quello che mi scandalizza sono i giuda, i giornalisti che hanno la lingua biforcuta; mi fanno nauseare, mi fa fatica pregare per loro, perché io li impiccherei quasi quasi”. E ha concluso: “Ricordo che Giuda, dopo aver concluso l’affare, si andò ad impiccare”. Giuliano Ferrara, poi, aveva offeso i due cronisti definendoli “due smerdatori professionali”.