Il provvedimento che che introduce nel codice penale i delitti contro l’ambiente è legge. Il Senato con 170 voti favorevoli, 20 contrari e 21 astenuti ha dato il via libera definitivo al testo sostenuto da Salvatore Micillo (M5S), Ermete Realacci (Pd) e Serena Pellegrino (Sel). A velocizzare i tempi è stata la collaborazione tra le parti politiche: i 5 Stelle hanno rinunciato ai propri emendamenti per permettere l’approvazione e il non ritorno a Montecitorio per l’ennesima lettura. Le altre richieste di modifica delle opposizioni sono invece state bocciate. “Mando un abbraccio”, ha scritto su Facebook il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio, “a tutte le mamme della Terra dei Fuochi. Ce l’abbiamo fatta. D’ora in poi chi inquina pagherà con fino a 20 anni di galera. Sono commosso, grazie”. Soddisfatto anche il Partito democratico“Impegno più che mantenuto”, ha commentato la senatrice Pd Donatella Ferranti, “forse mai come in questa occasione si può davvero parlare di una giornata storica”. Così anche Realacci: “Ci sono tanti voti in Parlamento che tra 10 anni non ricorderà nessuno, questo lo ricorderemo in tanti perché rappresenta un punto di svolta per l’Italia”. 

L’Aula del Senato nel pomeriggio ha bocciato tutti gli emendamenti rimasti: tutti riguardavano l’utilizzo dell’airgun che invece verrà affrontato in un altro provvedimento. “Dopo anni di attese e ritardi”, ha detto su Twitter il presidente del Senato Pietro Grasso, “il ddl Ecoreati è finalmente legge”. Anche il presidente del Consiglio è intervenuto: “Provvedimenti attesi da decenni diventano leggi. E’ proprio la volta buona”. Fin dall’inizio c’è stata, sul tema, la collaborazione tra Pd e M5S che ha impedito che fosse messa la fiducia in Aula: “Il nostro interesse”, aveva detto il capogruppo M5S Bruno Marton, “a far passare, senza modifiche, questo disegno di legge è evidente. Vogliamo approvare una legge che lo ricordiamo è anche nostra. Di cosa hanno paura? Il governo non accampi scuse”. Il provvedimento (che questa volta non è stato modifcato) era tornato a Palazzo Madama in seconda lettura per il suo quarto passaggio parlamentare dopo che la Camera, due settimane fa, aveva stralciato dal testo il divieto di utilizzo dell’airgun, la tecnica di ricerca degli idrocarburi in mare.

In sintesi il provvedimento inserisce nel codice penale il nuovo Titolo VI-bis (dei delitti contro l’ambiente), che comprende i seguenti nuovi reati: inquinamento ambientale, morte o lesioni come conseguenza del delitto di inquinamento ambientale, disastro ambientale, delitti colposi contro l’ambiente, traffico e abbandono di materiale ad alta radioattività, impedimento del controllo, omessa bonifica. Prevista inoltre una aggravante ambientale applicabile a tutti i fatti già previsti come reato. Sconti di pena, tra le altre cose, per chi si adopera per il ripristino dello stato dei luoghi e raddoppio della prescrizione per questo genere di reati. Il provvedimento approvato oggi in via definita ha iniziato il suo iter in Parlamento il 20 giugno 2013 nella commissione Giustizia della Camera, a partire da tre proposte di legge (del Pd, di Sel e del Movimento 5 stelle). Nel corso del suo iter in Parlamento la proposta ha subito diverse modifiche rischiando di arenarsi – in particolare al Senato, dove è rimasta in prima lettura per circa un anno – più di una volta.