Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha firmato la nuova legge elettorale. La riforma era stata approvata definitivamente lunedì 4 maggio con 334 voti a favore e 61 contrari (le opposizioni sono uscite in blocco)L’Italicum entrerà in vigore dal primo luglio 2016. Il presidente, secondo fonti del Quirinale citate dalle agenzie di stampa, ha promulgato la riforma senza porre note o osservazioni. Il capo dello Stato quindi non ha rilevato difetti sotto il profilo costituzionale nel testo uscito dal Parlamento e il suo giudizio vale doppio anche sotto il profilo tecnico, visto che da un lato Mattarella era giudice della Corte costituzionale quando questa bocciò il Porcellum e dall’altro è l’autore della legge elettorale con la quale si è votato dal 1994 al 2001, il Mattarellum, sistema che aveva tentato di semplificare il sistema politico italiano.

Il dubbio di alcuni giuristi riguardavano alcuni aspetti dell’Italicum che – si sosteneva – potevano ricordare la precedente legge elettorale, poi “svuotata” proprio dalla sentenza della Consulta del dicembre 2013. In particolare il riferimento era al premio di maggioranza e alle liste bloccate. Nel primo caso la sentenza della Consulta aveva sottolineato la necessità di una soglia per il premio di maggioranza (e la soglia nell’Italicum c’è, al 40%). Nel secondo caso denunciava la distorsione del rapporto tra elettori ed eletti, proponendo le alternative di liste più corte o liste bloccate solo per una parte, e la nuova legge elettorale sia liste corte (di 4-6 nomi) con i soli capilista bloccati. In questo senso i dubbi di legittimità costituzionale sarebbero superati.

In mattinata era stato il presidente del Consiglio Matteo Renzi a firmare il testo della legge.

La prima reazione è di Pippo Civati, deputato ed ex candidato alla segreteria del Pd, che proprio oggi, 6 maggio, ha ufficializzato la sua fuoriuscita sia dal gruppo parlamentare che dal Partito democratico. Secondo Civati – che ha votato no sia alla fiducia sia nello scrutinio finale – la firma del presidente della Repubblica “la davo per scontata, anche se secondo me la Consulta qualcosa da dire ce l’ha”.

Giura battaglia anche il Movimento Cinque Stelle. “Come previsto – scrive Danilo Toninelli, vicepresidente della commissione Affari costituzionali alla Camera – Mattarella ha firmato l’Italicum, proprio come Ciampi firmò il Porcellum. Non ci stracciamo di certo le vesti. Le strade per affossarlo sono più d’una”. “Prima fra tutte – indica il grillino – bocciare al Senato la schiforma del Senato a cui l’Italicum è vincolato da un legame di sangue. Subito dopo quella della campagna a favore del no al referendum confermativo in caso di approvazione della schiforma. Per finire con la strada dei ricorsi alla Corte Costituzionale”. Più duro il senatore Mario Michele Giarrusso: “Si avvia una presidenza oscura, non di garanzia per il Paese – dice a La Zanzara, su Radio24 – Mattarella non ha spina dorsale, ha rinnegato le stesse cose che aveva deciso come giudice della Corte Costituzionale. E’ supino a Renzi, non ha difeso la Carta come era suo dovere”. Per Giarrusso “l’Italicum è una legge infame. Mattarella si è reso complice della violenza contro la Costituzione, la firma non era un atto dovuto”.

Con la firma di Mattarella arriva anche la soddisfazione del presidente emerito e senatore a vita Giorgio Napolitano che sulla necessità di riforme istituzionali aveva fondato il suo sì al secondo mandato. “E’ un raggiungimento importante – dice – Io avevo detto quando fui rieletto che consideravo imperdonabile non aver fatto una nuova legge elettorale. Per fortuna questa volta non c’è bisogno di chiedere perdono”. Napolitano ha anche ricordato che l’Italicum “non è nato in un mese, ha impiegato più di un anno, c’è stata una commissione di studiosi per la ricerca di soluzioni, ci sono stati tanti confronti”.