Forza Italia ha un suo candidato per le Regionali in Puglia, ma ora deve convincere gli altri alleati di centrodestra a sostenerlo. Adriana Poli Bortone, ex eurodeputata di Alleanza Nazionale ed ex sindaco di Lecce, è il nome scelto da Silvio Berlusconi. Dopo la rottura definitiva delle scorse ore con il candidato Francesco Schittulli sostenuto da Raffaele Fitto, l’ex Cavaliere ha deciso di puntare tutto sull’esponente di Fratelli d’Italia. Dovrebbe essere la mossa che compatta la coalizione di centrodestra, ma l’intesa è ancora lontana. E in serata è arrivata la reazione del dissidente Fitto: “Caro presidente, stai scegliendo una linea da cupio dissolvi, e lo dico con grande amarezza. E’ ormai chiaro che Fi gioca a perdere, disinteressandosi della Puglia e delle ragioni dei pugliesi, che chiedono un’alternativa al malgoverno della sinistra”. E ha concluso: “Io non prendo ordini”.

Prende tempo intanto la presidente di Fdi Giorgia Meloni: “La proposta di candidare a presidente una nostra storica e apprezzata esponente è motivo di orgoglio ma avrebbe significato solo se servisse a unificare tutta la coalizione. Se finisse con l’essere ulteriore motivo di divisione non sarebbe per noi possibile aderire a questa ipotesi”. Poli Bortone intanto non si tira indietro: “Se il mio partito me lo dovesse chiedere la prenderei in considerazione”, ha commentato all’agenzia Ansa. Solo nelle scorse i critici della corrente di Fitto avevano presentato alla stampa Schittulli: invitati c’erano tutti gli esponenti dei partiti potenziali alleati da Fdi a Ncd. Oggi la mossa di Berlusconi cambia ancora le strategie. “In Puglia noi ci saremo, perché ci chiamano tantissime persone”, ha commentato il segretario della Lega Nord Matteo Salvini. “Se Forza Italia deciderà di fare la strada con noi è la benvenuta. Nel centrodestra c’è una confusione abbastanza notevole”.

Poli Bortone esattamente un anno fa aveva annunciato la sua adesione a Fratelli d’Italia. E’ stata per due mandati sindaco di Lecce, eurodeputata di Alleanza Nazionale, coordinatrice regionale per il partito di Fini in Puglia nel 2005 e poi senatrice del Popolo delle libertà nel 2010. “E’ una mia amica”, ha commentato il candidato Pd Michele Emiliano, “politicamente un’avversaria dura, tostissima, so che non me le manderà a dire, ma so anche di avere in lei un’interlocutrice competente ed esperta. Questo equilibrerà la campagna elettorale”.