Un centinaio di giovani, armati di spranghe, bastoni e bombe carta, hanno dato l’assalto al campo abusivo abitato da rom a Torino. Lo hanno fatto per vendicare una ragazza stuprata da due “zingari”. La ragazza, però, ha mentito: nessuno zingaro l’ha violentata.

Non mi interessa sapere il motivo per cui la ragazza ha dichiarato il falso, a questo penserà la magistratura. Ciò che mi pare preoccupante è constatare, che la prima persona ad essere venuta in mente alla sedicenne è stata uno “zingaro”. All’epoca del delitto di Novi erano gli albanesi i primi a cui si pensava in caso di violenza, oggi, invece, sono gli “zingari”. Ma, a ben conoscere la storia del popolo rom, lo “zingaro” è stato da sempre uno splendido e indifeso capro espiatorio. Più di ogni altra etnia, lo “zingaro” mette d’accordo tutti: compatta l’opinione pubblica. Non c’è bisogno di dimostrare niente: lo zingaro è responsabile sulla fiducia. A prescindere.

Mi viene da pensare a quante campagne elettorali si sono vinte agitando al primo punto del proprio programma elettorale la “risoluzione del problema zingari”. E’ risaputo che affrontare problemi quali la scuola o la salute o il lavoro per vincere le elezioni, non è conveniente. E allora, quando siamo a corto di idee, va bene agitare lo spettro degli zingari. In questo modo ognuno può sentirsi parte attiva perché tutti abbiamo a portata di mano la soluzione giusta al “problema zingari”. Teorie più o meno strampalate da spiegare e sventolare in faccia a quei “buonisti” degli studiosi o dei docenti universitari o dei volontari dell’Arci o di Sant’Egidio o della Caritas o di altre associazioni.

Gli zingari sono meravigliosi perché permettono a tutti di non sentirsi, almeno una volta nella vita, l’ultima ruota del carro. E così a Torino un gruppo di persone si sono sentite nel giusto organizzando un pogrom per eliminare “il problema zingari”.

Ma “il problema zingari” si risolve solo affrontando “il problema che hanno i rom”. Diventa perciò importante l’azione che svolge la Federazione Rom e Sinti Insieme nel cercare il dialogo con il governo, ponendo all’ordine del giorno il diritto a beneficiare di diritti. In Italia, i rom e i sinti non sono nemmeno considerati una minoranza linguistica al pari di quella occitana piemontese o catalana di Alghero. In molti campi nomadi si vive con tre bagni per trecento persone e se si prova a costruirne uno, si è accusati, come fece in mia presenza un consigliere comunale di Udine, di abuso edilizio. A Ponticelli i rom vivono in baracche con tetti di eternit e senza acqua né corrente elettrica. In diversi comuni è una rete metallica a separare i campi nomadi ufficiali dalle discariche. Potrei andare avanti chissà quanto.

Solo riconoscendo dei diritti è possibile chiedere il rispetto delle regole.

Per anni ho studiato e toccato con mano i problemi in cui si dibattono quotidianamente i rom e così mi sembra utile offrire punti di vista controcorrente. Non mi interessa evangelizzare nessuno, voglio solo provare a riflettere su fatti e dati ufficiali. Per questo riporto di seguito alcune notizie che ad alcuni possono essere sfuggite:

Giancarlo Gentilini, esponente di primo piano della Lega, incita la folla vantandosi di aver bruciato due campi nomadi.

– A Pesaro una ragazza rom incinta è presa a calci in un bar nell’indifferenza generale.

– A Brescia una dottoressa rifiuta di curare una ragazza di etnia rom: «Non ti curo. Voi rom mi fate schifo».

– A Bussolengo, in provincia di Verona, tre famiglie italiane di etnia rom sono sequestrate, picchiate e torturate dai carabinieri.

– Nei confronti degli zingari esponenti del governo Berlusconi invocano la «tolleranza zero».

– Il sindaco di Verona Flavio Tosi è condannato in via definitiva a due mesi di carcere per propaganda di idee razziste.

– Il quotidiano britannico The Indipendent accusa l’Italia di comportarsi in maniera «incivile» nei confronti di clandestini e rom.

– Il sindaco di Adro escogita un innovativo metodo per contrastare l’arrivo degli zingari: scavare dei fossati lungo il perimetro del paese rendendolo inaccessibile a roulotte e camper.

Thomas Hammarberg, commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa, accusa l’Italia di violare i diritti umani.

– I manifesti di Forza Nuova riportano l’immagine di una donna distesa a terra con le gambe allargate e una macchia di sangue sui vestiti laceri. Sul manifesto si legge: “Se capitasse a tua madre, tua moglie o tua figlia? Stupratori, immigrati è giunta la vostra ora…. Chiudete i campi nomadi ed espellete i rom subito.”

“La situazione dei rom e dei sinti in Italia resta fonte di grande preoccupazione. È opportuno porre l’accento non sui provvedimenti coercitivi, come le espulsioni e gli sgomberi forzati, ma piuttosto sull’integrazione sociale e la lotta contro la discriminazione e l’antiziganismo”, ha dichiarato ancora una volta il Commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa, Thomas Hammarberg.

– Sei bambini rom su otto nati negli ultimi due anni presentano gravi patologie dalla nascita. Un campo rom costruito sopra un’ex-discarica di rifiuti. C’è un legame tra questi due dati? A questo quesito stanno cercando di dare una risposta i ricercatori di OsservAzione, un’associazione che si prefigge di lottare contro la discriminazione di rom e sinti in Italia. Secondo Lorenzo Monasta, epidemiologo dell’associazione, “in Italia c’è l’abitudine di costruire i campi sopra o vicino a discariche. In Campania i campi rom si trovano nell’area della più grande discarica di rifiuti abusiva d’Europa e anche lì si sono verificate molte nascite con gravi patologie, oltre ad un’alta incidenza di tumori e malattie respiratorie”.

– Matteo Legnani sul quotidiano Libero scrive un editoriale dove si legge: “Gli zingari sono ladri. Parassiti che campano a spese nostre rubando, scippando, truffando”.

– Torregaveta (Na). La foto dei corpi di due ragazzine rom morte annegate nell’indifferenza dei bagnanti, fa il giro del mondo.

– Cerreto Guidi (Fi). Una molotov colpisce e incendia una carovana di rom.

– Pesaro. Un ragazzino rom è picchiato da un commerciante perché chiede l’elemosina.

– Rapporto annuale di Amnesty International 2011. Duro j’accuse nei confronti del nostro Paese: i rom e i sinti continuano a essere discriminati nel loro diritto all’istruzione, all’alloggio, all’assistenza sanitaria, all’occupazione e “alcuni politici e rappresentanti del governo alimentano un clima di intolleranza e xenofobia”. Inoltre, “l’atteggiamento dispregiativo di alcuni politici ha contribuito ad alimentare un clima di intolleranza”. Il rapporto evidenzia come nel corso del 2010 in tutto il Paese sono proseguiti gli sgomberi forzati di rom, che “hanno disgregato le loro comunità, il loro accesso al lavoro e hanno reso impossibile ai bambini la frequenza scolastica”.

– L’europarlamentare ungherese Viktória Mohácsi, dopo un viaggio nel nostro paese, dichiara di non aver mai assistito a violazioni dei diritti umani così gravi come in Italia. Le violazioni si riferiscono al popolo rom e sinto.