Appariva molto tranquillo Marco Milanese, parlamentare del Pdl sotto inchiesta per corruzione e altri reati, quando esortava la Camera ad autorizzare senza problemi la perquisizione delle sue cassette di sicurezza. Perché tanto le aveva già ripulite, di persona, da ogni possibile indizio imbarazzante.

Lo sostiene un’informativa della Digos, raccontata oggi dal Corriere della Sera in un articolo di Fiorenza Sarzanini: “Nell’informativa sono annotate tutte le volte che Milanese si è recato nei caveau degli istituti di credito”, si legge sul Corriere. “E si evidenzia come una delle ‘visite’ sia avvenuta il giorno successivo all’arresto di Paolo Viscione, l’imprenditore che poi si è trasformato nel principale accusatore del deputato Pdl raccontando di avergli consegnato soldi e gioielli”. In quell’occasione, sospettano gli investigatori, “Milanese potrebbe aver portato via denaro contante, ma anche documenti che avrebbero potuto dimostrare lo stretto legame finanziario che aveva proprio con Viscione”.

La Digos ha incrociato le date in cui l’ex braccio destro del ministro dell’Economia Giulio Tremonti ha messo mano alle cassette di sicurezza con quelle delle presunte consegne di mazzette emerse dalle indagini. Il sospetto, scrive ancora il Corriere, è “che quei forzieri servissero proprio a nascondere i soldi ottenuti illecitamente e che siano stati ‘ripuliti’ poco dopo l’avvio delle indagini”. Tutto in forza dell’incarico parlamentare: Milanese era perfettamente consapevole che nessun investigatore avrebbe potuto mettere il naso nelle cassette senza essere preventivamente autorizzato da un voto parlamentare.

Il deputato avrebbe operato sulle cassette di sicurezza “almeno tre o quattro volte al mese”, si legge ancora sul Corriere, e in quelle occasioni “potrebbe aver movimentato soldi in contanti oltre ad aver occultato alcuni documenti che riguardavano gli accertamenti avviati sulla sua attività”.

Il 7 settembre la giunta per le autorizzazioni della Camera si pronuncerà sulla richiesta d’arresto di Milanese arrivata dalla Procura di Napoli. I membri della giunta presieduta da Pierluigi Castagnetti del Pd potranno così leggere nuovi verbali di interrogatorio, compreso quello dell’ex comandante della Guardia di Finaza Cosimo D’Arrigo. D’Arrigo è il testimone d’accusa che ha confermato ai magistrati come il ministro Tremonti avesse completamente delegato a Milanese, ufficiale della Finanza fino al 2002, tutti i rapporti con le Fiamme gialle. Un “errore”, una “distorsione” secondo D’Arrigo, un potere enorme di cui Milanese avrebbe approfittato per ottenere vantaggi personali e informazioni riservate.