I bonifici per "l’agente Farina" e il contratto dell’analista yankee

"Caro Edward". Si apre così una lettera di Pio Pompa al consulente americano dei servizi segreti. Ma l’autore della missiva, l’ex funzionario del servizio segreto militare Pio Pompa, avrebbe fatto meglio a iniziare con un "Carissimo" vista l’entità dei compensi strappati ai contribuenti italiani da questo professore nato in Romania, passato da Palermo e cresciuto tra Londra e gli Stati Uniti a cornflakes e intelligence.

Luttwak è famoso per le sue comparsate a Porta a Porta, dove con l’accento da telecronista di football americano imitato perfettamente da Corrado Guzzanti rifila ai telespettatori concetti indigesti sulla guerra necessaria e sui terroristi da sterminare. Dalle carte sequestrate nel "covo del Sismi" di via Nazionale diretto da Pio Pompa si scopre che per le sue analisi Luttwak è stato retribuito profumatamente dal Sismi diretto da Nicolò Pollari, attraverso la Apri Spa di Luciano Monti.

Nella sua lettera, che dovrebbe risalire al settembre 2002, Pompa propone al "caro Edward" un contratto da nababbo: "a) impegno minimo di dieci giornate al mese per un importo di 5 mila euro al giorno, spese escluse, pari a complessive 50 mila euro al mese; b) la collaborazione avrà la durata di 12 mesi, a far data dalla sottoscrizione del contratto, per un importo annuale di 600 mila euro; c) le spese attinenti le attività da svolgere, debitamente concordate, saranno rimborsate a parte dietro presentazione della relativa documentazione".

Luttwak ha raccontato in un’intervista a Claudio Gatti del Sole 24 ore nel novembre del 2008: "Lavoravo con Pompa per Apri e Apri lavorava per il Sismi". A leggere le mail sequestrate a Pompa però si coglie un esempio negativo delle ricadute del rapporto Luttwak-Sismi sulla manipolazione dei media. Tutto si svolge nelle ore immediatamente seguenti la strage di Nassirya del 12 novembre 2003. Muoiono 28 persone, 18 italiani. L’Italia è scossa e e si raccoglie intorno al salotto di Vespa. Luttwak è invitato insieme a Franco Frattini, allora ministro degli Esteri.

L’illustre politologo indipendente (in realtà strapagato dal Sismi e quindi dal Governo) si esibisce in questo numero acrobatico per connettere Al Qaeda alla sinistra antagonista. Ecco quello che milioni di italiani hanno sentito quella sera.

Luttwak: "Un amico qui a Roma che ha un figlio che guarda internet ha fatto presente che ci sono siti italiani fatti da italiani che parlano di resistenza e aizzano attacchi contro la coalizione. Ci sono Nuovimondimedia.it , Informationguerrilla.org . Questi dicono ‘andate in Iraq, lottate, uccidete la coalizione e gli italiani’".
Vespa frena: "Luttwak, abbiamo cliccato non è venuto niente e lei, Frattini, che fa conferma?". Il ministro accende lo sguardo accigliato da busto marmoreo: "C’erano certo".

Vespa: "C’erano?".

Frattini: "Ma li hanno cancellati, sono scomparsi".

Vespa: “No, scusi eh, prima che li cancellassero esistevano? Lei testimonia che esistevano?".

Frattini: "Non li ho guardati ma noi sapevamo che esistevano".

Leggendo le mail sequestrate si capisce chi è la fonte che ha spinto il politologo a dire la balla spaziale. Pompa scrive a Luttwak: "Come richiesto ti invio i contenuti dei siti web riguardanti la tua presenza a Porta a Porta". Così l’amico americano scopre che l’associazione Nuovimondi annuncia querela. Luttwak è terrorizzato: il 20 e poi il 23 novembre scrive ossessivamente a quella che sembra essere la sua fonte: "Visto querela dai siti gradirei copie loro pagine offensive".

Purtroppo per lui quelle pagine non esistono. Il 24 novembre torna alla carica: "est possibile recuperare le loro pagine aggressive prima di Nassirya?". Da Pompa arriva solo un link su Osama che non c’entra nulla. Luttwak insiste il 26 novembre: "Ho bisogno dei testi precedenti dei siti, cioé quando celebravano la resistenza".Antonio Imparato di Nuovimondi racconta: "Abbiamo fatto querela perché era un fatto totalmente inventato ed era particolarmente grave perché pubblicizzato sull’onda emotiva dell’attentato di Nassirya. Non so come è finita".

È interessante il ruolo di Apri. Questa società di consulenza ha fatturato 2,8 milioni di euro nel 2008 ed è diretta da Luciano Monti, in quel periodo presidente di Assoconsult, aderente a Confindustria. Pompa vanta con Apri un rapporto di ferro. La sua fidatissima segretaria trentenne, che poi sarà assunta al Sismi, è stata una dipendente Apri e ha raccontato che Pompa stesso aveva una stanza nella sede Apri di Piazza Esedra.

A leggere il carteggio tra Pompa e Luttwak, Apri funzionava come una cassa dei servizi per i consulenti.

In un appunto di Pompa, sequestrato dalla Digos, si legge l’elenco delle attività svolte da Apri. In particolare nell’appunto di Pompa si cita il think tank composto oltre che dal politologo americano e dai dirigenti di Apri Monti e Orvieto, da altri esperti vicini al Governo come il generale Carlo Jean e il commercialista Enrico Vitali, partner dello studio tributario fondato da Giulio Tremonti.

Il report descrive 15 incontri sui seguenti temi: emergenza nazionale, flussi migratori e finanziari, organizzazioni islamiche e sviluppi del settore aerospaziale. A differenza degli informatori come il giornalista Renato Farina pagati direttamente dalla "Casa" (come dimostrano le ricevute sopra pubblicate e controfirmate con il nome in codice "Betulla"), i consulenti prestavano la loro opera a Apri.

A un certo punto però il giocattolo si rompe. Pompa segnala a Pollari nel 2003: "L’assoluta non veridicità, come dimostrato dalla quasi totale assenza di prodotti a supporto, delle giornate lavorative imputate al capoprogetto, prof. Luciano Monti e al suo collaboratore dott. Piero Orvieto, rispettivamente n. 41 e 50 giornate che sarebbero state effettuate nel bimestre novembre-dicembre 2002 per un importo complessivo di 131.495 euro".

Per Pompa, Apri chiede 2 milioni di euro perché interpreta a modo suo la convenzione del 2002. Ma il Sismi non vuole pagare tanto. A cascata Apri blocca i pagamenti a Luttwak che fa causa e tempesta Monti e Pompa di mail sempre più dure. Alla fine Pompa gli propone di chiudere accettando "solo" 142 mila euro, "a cui vanno aggiunte quelle non ancora pagate da Monti". Chissà se il “Caro Edward” ha accettato.

Da Il Fatto Quotidiano del 9 gennaio