I misteri delle stragi del ’92, i depistaggi delle indagini su Capaci, via d’Amelio e le bombe del ’93, i fili neri che collegano la nascita della Seconda Repubblica alla strategia della tensione. Di questo e non si parla nel convegno organizzato dal consigliere regionale Luigi Piccirillo nella sala Gaber di Palazzo Lombardia con Nino Di Matteo, Sebastiano Ardita, Salvatore Borsellino e Alessandro Di Battista, moderato da Giuseppe Pipitone.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Antimafia, Morra presenta la relazione: “Non mi sorprende il silenzio dei partiti sulla criminalità in campagna elettorale”

next
Articolo Successivo

Rinascita-Scott, il boss Luigi Mancuso sarà giudicato da un nuovo collegio. La Corte d’Appello accoglie ricusazione di due giudici

next