A.A.A. nuovo 007 cercasi. Trovare il volto giusto per il prossimo James Bond sta diventando una vera e propria impresa che, di mese in mese, si arricchisce di indiscrezioni e dettagli inaspettati. Il post Daniel Craig è diventato più complicato del previsto per Barbara Broccoli, leggendaria produttrice degli adattamenti dei celebri romanzi di Ian Fleming, che dopo aver escluso l’ipotesi di una 007 donna, ora scommette su un’altra importante novità: puntare su un attore giovane che abbiamo al massimo una trentina d’anni.

IL PROSSIMO JAMES BOND DOVRÀ ESSERE GIOVANE – I produttori dell’iconica saga di Bond sono dunque alla ricerca del volto giusto per il prossimo film, il primo dopo No Time to Die e l’addio di Daniel Craig. Ma non solo, perché secondo quanto dichiarato dal giornalista Ross King nello show inglese Lorraine l’obiettivo sarebbe quello di investire su un attore giovane – intorno ai 30 anni – che dovrebbe così firmare un pacchetto di tre nuovi film sull’agente segreto più famoso del grande schermo. Trovare il nome giusto non sarà
semplice: “Vogliono qualcuno che porti avanti il franchise come ha fatto Daniel Craig. Un’altra cosa che dicono è che dev’essere più alto di un metro e cinquantacinque“, rivela ancora Ross King.

CHI SONO I POSSIBILI 007 – L’identikit tracciato in queste ore azzera dunque tutte le ipotesi circolate con insistenza negli ultimi mesi, da Tom Hardy, Henry Cavill e Idris Elba, avendo tutti e tre attorno ai 40 anni. Depennati secondo Express anche Sam Heughan (il protagonista di Outlander), Damian Lewis di Homeland e
Tom Hiddleston di Loki. Salgono invece le quotazioni dell’affascinante Regé-Jean Page di Bridgerton e ancora quelle di Joseph Quinn di Stranger Things, nome lanciato soprattutto dai fan con un passaparola via social. Ma il casting è ancora lunghissimo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Museo del Giocattolo di Figueres, un tuffo nell’infanzia tra l’orsacchiotto preferito di Salvador Dalì e i gingilli di Joan Miró

next
Articolo Successivo

Jonah Hill: “Soffro di attacchi di panico da 20 anni, non promuoverò più i miei film”

next