In una lettera aperta a Deadline Jonah Hill ammette di soffire di attacchi di panico e per questo motivo eviterà di promuovere i suoi prossimi lavori. “Ho passato quasi vent’anni vivendo attacchi di panico che peggiorano con le apparizioni sui media e gli eventi con pubblico […] per questo non mi vedrete più promuovere i miei film, prendo questa importante decisione per proteggere me stesso, se mi ammalassi di più continuando a fare promozione non agirei bene nei miei confronti né in quelli del film. Solitamente provo grande vergogna nello scrivere lettere di questo tipo, ma mi sento anche privilegiato a essere uno dei pochi che possono permetterselo: non perderò il mio lavoro lavorando sulla mia ansia”.

L’attore, 38 anni, è noto al grande pubblico per aver preso parte a film come The Wolf of Wall Street e il recente Don’t look up in cui interpretava il figlio della presidente degli Stati Uniti Meryl Streep. Ma è anche regista, e in queste vesti ha realizzato il documentario Stutz, in cui discute apertamente di salute mentale con il suo terapista, ma non rilascerà interviste su questo progetto imminente, così come non ne rilascerà per la commedia con Eddie Murphy, Julia Louis-Dreyfus You people che ha scritto insieme al regista Kenya Barris.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Si cerca il nuovo James Bond, ma “deve essere giovane”: ecco chi è in lizza per il prossimo 007

next
Articolo Successivo

Il ristorante di “Sex and the City” (forse) non chiude più: il colpo di scena che salva il locale di Central Park

next