Milano si conferma la città dove si legge di più in Italia. È l’esito della classifica stilata da Amazon e il capoluogo lombardo per il decimo anno consecutivo è in vetta alle città che non vogliono rinunciare alla lettura. A seguire Roma e Torino. Il libro più letto del 2022 è invece Fabbricante di lacrime (Magazzini Salani) di Erin Doom.

Secondo Amazon, i romani, culturalmente legati all’arte delle parole e della letteratura si confermano nuovamente al secondo posto. Medaglia di bronzo per Torino, e poi ancora Bologna e Genova, che chiude la top five e dimostra l’importanza che ancora riveste per i suoi abitanti la lettura. Tra le prime dieci, dal sesto al decimo posto, ci sono Firenze, Napoli, Padova, Verona e infine Trieste. E se Palermo rimane in undicesima posizione, sono Cagliari e Bari a stupire con un balzo in avanti e il raggiungimento rispettivamente del dodicesimo e del quindicesimo posto.

Ad ogni città il proprio genere preferito: a partire dai milanesi, che si concentrano maggiormente sui libri di letteratura, mentre i romani hanno acquistato molti più libri per bambini e ragazzi. Torino, invece, si colora di tinte orientali e tra i libri più letti nel capoluogo piemontese ci sono i manga, ovvero i fumetti originali del Giappone, mentre a Bologna preferiscono i thriller. La città emiliana si conferma, insieme a Napoli, la più incline a leggere in formato digitale. I genovesi sono interessati ai libri di salute e se i fiorentini leggono di scienza e tecnologia, i napoletani sono degli inguaribili romantici. Gli abitanti del Veneto approfondiscono sempre più tematiche economiche e si lasciano ispirare dalle biografie dei grandi, mentre a Trieste non si può fare a meno di arte, musica e cinema.

Il libro più letto dagli italiani è Fabbricante di lacrime di Erin Doom, una storia in cui le leggende raccontate a lume di candela diventano realtà, trasformando la vita dei protagonisti in un romanzo travolgente. Un testo che si rivela un successo, da nord a sud. Al secondo posto tra i libri più amati c’è La canzone di Achille dell’autrice Madeline Miller, dove gli scenari di guerra, duelli e morte lasciano spazio all’amore. Se questi libri mettono d’accordo tutto lo Stivale, i milanesi hanno un proprio libro preferito: Conosco un posto. Milano, che diventa l’occasione per tutti i lettori meneghini di scoprire posti imperdibili e ancora inesplorati della propria città. I genovesi hanno letto in tantissimi Una vita rovesciata: la biografia di Francesco Flachi di Matteo Politano, che racconta la vita di uno dei giocatori più amati nella storia della Sampdoria. I triestini si sono lasciati invece conquistare da Tre di Valérie Perrin. Il libro più amato dai baresi invece è Badao: ogni parola ha un perché di Gianluca Giagni, un viaggio per ritrovare la serenità e riscoprire il senso delle piccole cose, descrivendo il mondo attraverso le parole dei più piccoli.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Unesco, i riconoscimenti che penalizzano invece di valorizzare il nostro patrimonio

next
Articolo Successivo

Festival di Ravello, arriva il controverso direttore d’orchestra Teodore Currentzis: è ritenuto vicino a Putin e finanziato da Gazprom

next