Gioia Boldrini, al momento in servizio al Direzione nazionale antimafia, è finita ai domiciliari: insieme al figlio, all’ex marito e al nuovo compagno, concedeva prestiti a interessi che andavano fra il 10% e il 70% su base trimestrale. Lo riporta Il Messaggero. Vittime ristoratori, baristi e parrucchieri di varie zone di Roma. In totale la Squadra Mobile di Roma ha arrestato otto persone nelle scorse ore.

Queste le accuse a vario titolo: associazione a delinquere finalizzata all’estorsione, esercizio abusivo del credito e usura. A far partire le indagini una denuncia da parte di un esercente della Garbatella, che si era rivolto al figli della donna (Valerio Garofalo) perché in difficoltà economica. L’uomo, residente sull’isola di Tenerife, è stato arrestato. Inizialmente gli interessi richiesti erano contenuti, in seguito aumentavano. Chi non pagava subiva minacce. Boldrini, si legge nell’ordinanza di arresto, era “il braccio operativo della Capitale” insieme al padre di Garofalo, Giovanni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ponte Morandi, Possetti (comitato vittime): “Responsabilità evidenti, in Italia grandi problemi in molte infrastrutture che vanno controllate”

next
Articolo Successivo

Ponte Morandi, via al giudizio di primo grado: costituite oltre 200 nuove parti civili. Possetti: “Dal processo può nascere un’Italia diversa”

next