“Una tragedia inattesa nelle modalità con cui si è svolta. Riteniamo che la Marmolada debba diventare una montagna simbolo”, dice Luigi Casanova, presidente onorario di Mountain Wilderness Italia, a tre giorni dalla strage avvenuta sul ghiacciaio. “Chiediamo da subito l’azzeramento di qualunque proposta di costruzione di nuovi impianti sia sul versante trentino che quello veneto. No al collegamento Cortina-Marmolada come previsto per le Olimpiadi del 2026”.

Casanova ribadisce inoltre che la richiesta pressante ormai da molti anni è quella di smantellare gli impianti in disuso. “Quando si fa un nuovo collegamento sciistico, c’è poi un indotto – aggiunge il presidente onorario di Mountain Wilderness Italia – Arrivano i bacini per l’innevamento artificiale, gli alberghi raddoppiano il volume. Stiamo trasferendo la città in alta quota. È inconcepibile fare delle nostre montagne l’appendice della città.”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siccità, preleva acqua per riempire una piscina privata: rischia una multa fino a 30mila euro

next
Articolo Successivo

Marmolada, il Soccorso alpino sorvola con l’elicottero il luogo del distacco: le immagini dall’alto – Video

next