L’Aula del Senato ha approvato la relazione della Giunta delle immunità parlamentari, sollevando il conflitto di attribuzioni dinanzi alla Corte costituzionale sulle intercettazioni effettuate dalla Procura di Torino nei confronti dell’ex senatore Pd Stefano Esposito (noto soprattutto per le sue nette prese di posizione a favore del Tav) tra il 2015 e il 2018. I voti favorevoli sono stati 117, 37 i contrari e otto gli astenuti. L’indagine è quella sulla cosiddetta “Bigliettopoli” di Torino, l’inchiesta che nel luglio 2019 ha portato al rinvio a giudizio di 23 imputati tra cui appunto Esposito, accusato di concorso in turbativa d’asta, corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio e traffico di influenze illecite. Il senatore era stato intercettato più volte in modo indiretto mentre parlava con l’imprenditore musicale Giulio Muttoni, il “re dei concerti” torinese: Esposito è accusato di essersi adoperato, in cambio di favori, per arrivare alla revoca di una interdittiva antimafia che la Prefettura di Milano aveva destinato alla sua società “Set Up Live”. Ora il processo resterà sospeso fino al pronunciamento della Consulta.

Secondo Esposito, “sia le intercettazioni telefoniche, sia i messaggi Whatsapp acquisiti dallo smartphone del Muttoni avrebbero dovuto essere dichiarati inutilizzabili nei suoi confronti in assenza dell’autorizzazione preventiva del Senato della Repubblica”. La vicenda è analoga a quella sollevata da Matteo Renzi in relazione all’indagine sulla fondazione Open: anche nel suo caso il Senato ha votato per sollevare il conflitto di attribuzione. “Siamo di fronte all’ipotesi che un senatore, addirittura componente della commissione Antimafia, si prodigasse per far cancellare l’interdittiva antimafia prevista per il suo amico imprenditore. Di fronte a ipotesi così gravi il Movimento 5 Stelle non rimane indifferenteRinviare sine die un procedimento così importante significa negare giustizia, ancora una volta. Noi ci opponiamo a tutto ciò, ne va anche della dignità del Senato della Repubblica e degli elettori che qui dentro ci hanno portato”, ha detto in dichiarazione di voto la senatrice M5s Agnese Gallicchio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Strage di Viareggio, Piagentini: “Parole di Moretti in aula? Ha strumentalizzato le famiglie delle vittime per il proprio tornaconto, vergognoso”

next