MATTEO CREA: “LA SINCERITÀ PAGA, COSÌ CANTO LE MIE PAURE” – “A casa dei miei nasce come riflessione del pessimismo cosmico di un 25enne che si spaventa vedendosi proiettato su un futuro prossimo e dal dubbio: riuscirò ad avere una casa e svincolarmi dai miei per costruirmi il mio spazio nel mondo?”. Matteo Crea, all’anagrafe Matteo Creatini, è nato a Firenze nel 1995, ma ha vissuto in provincia di Livorno per poi trasferirsi a Milano. Si è sempre rimboccato le maniche. Al Politecnico di Milano studia e lavora come stagista, poi ha anche recitato un po’ per caso un po’ per passione – sarà protagonista di ‘Margini’ di Nicolò Falsetti, di prossima uscita – ma il suo faro rimane sempre la musica. “Suono e scrivo da otto anni e ho fatto tanti tentativi adolescenziali come rapper, artista strada, ho suonato un sacco di cover nei localini. Insomma ho fatto la piccola gavetta provinciale”, ci racconta. Il suo percorso si incrocia con La Tarma Records, l’etichetta indipendente della manager Marta Donà: “Mi ha sempre consigliato di essere sincero, una qualità che alla lunga paga sempre. Sono felice di lavorare con loro perché hanno sposato il mio progetto e sono orgoglioso di essere stato scelto. Ora ho la smania di far arrivare la mia musica a più persone possibili”. Il banco di prova importante sarà il 16 giugno quando suonerà sul palco di Firenze Rocks, prima dei Green Day. Matteo Crea ha le idee chiare e uno stile riconoscibile. A casa dei miei” è solo il primo tassello di un percorso che potrebbe culminare con un album. Ma per ora non c’è fretta. Un passo alla volta, nel nome della sincerità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Note di cronaca’, un disco per i diritti umani

next
Articolo Successivo

Elisa canta a Verona per l’ambiente e si appella ai giovani: “Non buttate per strada plastica o sigarette, combattiamo l’indifferenza”

next