“Un persona viene da me e mi dice che Fedez mi aveva cercato, e io gli rispondo che non era possibile perché lui non lo aveva chiamato. Poi mi sono reso conto che avevo bloccato il suo numero“. Comincia così il racconto di J-Ax per spiegare la pace tra lui e Fedez dopo quattro anni di lontananza. “Abbiamo parlato sei ore e ci siamo detti tutto quello che dovevamo dirci e abbiamo chiarito”, ha aggiunto Federico durante la presentazione del festival LoveMi che si terrà in piazza Duomo il 28 giugno. Sarà un evento gratuito che servirà per raccogliere fondi per la Fondazione Tog che si occupa di riabilitazione dei bambini affetti da patologie neurologiche complesse, in particolare paralisi cerebrali infantile e sindromi genetiche con ritardo mentale. “Musica insieme? Potrebbe essere, certo non lo faremmo per il mercato ma per fare qualcosa per noi”, hanno risposto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Karina Cascella: “Sì, è un periodo difficile per la ricerca del personale, mettici anche il reddito di cittadinanza e la cosa diventa più complessa”

next
Articolo Successivo

Fedez: “Mi sto allenando per tornare sul palco ma tra il pubblico ci saranno anche i miei chirurghi. J-Ax? Il primo a sapere del tumore dopo la mia famiglia”

next