Nell’ultima settimana l’Italia è stata il primo Paese per numero di morti Covid nella Regione europea. Seconda a livello mondiale. Emerge dall’ultimo aggiornamento dell’Organizzazione mondiale della sanità, relativo al periodo 9-15 maggio. “Il numero settimanale più alto di morti Covid nell’ultima settimana” nel mondo “è quello segnalato dagli Stati Uniti (1.849 nuovi decessi; -27%)”. Segue l’Italia con 765 morti settimanali (1,3 ogni 100.000 abitanti), dato comunque in calo del 16% rispetto ai 7 giorni precedenti. Alle spalle della Penisola ci sono la Russia (724 decessi; -21%), il Brasile (689; +1%) e la Francia (590; -19%).

Stringendo l’obiettivo sulla regione europea, l’Italia – oltre ad essere prima per morti in sette giorni, davanti a Russia e Francia – risulta anche il secondo Paese per casi settimanali: con 262.374 nuovi casi in sette giorni (439,9 ogni 100.000 abitanti; -14%), è alle spalle della Germania che questa settimana ha il dato più alto dei contagi (376.959, -20%). Terza la Francia (217.932 nuovi casi; -18%). Nell’area sono cinque i Paesi che riportano contagi in aumento del 20% o più: spicca l’Ucraina che registra un +1.695% (3.590 nuovi casi contro i 200 della settimana precedente). Per questo Paese, precisa l’Oms, “i dati dovrebbero essere interpretati con attenzione a causa dell’impatto del conflitto in corso sulla capacità di test. I casi settimanali crescono significativamente anche in Ungheria (+209%) e in Portogallo (+36%)”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaiolo delle scimmie, Rezza: “Altri due casi da confermare. Si trasmette per contatto diretto o molto stretto, focolai si autolimitano”

next
Articolo Successivo

Cosenza, 16enne insultato e picchiato dallo zio perché omosessuale: “Ora muori a casa. Non vogliamo gay in famiglia”

next