Il Coachella 2022 sta per iniziare. Dal 15 al 17 aprile, per poi replicare dal 22 al 24 aprile, nell’immenso Empire Polo Grounds in Indio verranno allestiti diversi palchi, dove si susseguiranno i concerti degli artisti musicali più cool del momento. Sarà un’edizione ricchissima, anche a causa dello stop di 2 anni causa Covid, dove si celebrerà la musica di ogni genere, dal pop all’elettronica, dal rock al rap.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Coachella (@coachella)

Grande assente sul palco sarà Kanye West che, forse a causa della sua salute mentale, ha dato forfait. A prendere il suo posto di headliner sarà The Weeknd, già alla terza partecipazione al Coachella. Presente anche Billie Eilish, reduce dal successo dell’ultimo disco Happier than ever e dell’Oscar con No Time to Die, per Miglior Canzone Originale insieme al fratello, che si esibirà al Festival anche senza Billie, con il suo omonimo progetto solista. Harry Styles sarà sul palco principale il 15 e 22 aprile, dove, insieme alle già famose hit, presenterà dal vivo il suo nuovo singolo, As it was, che precede l’uscita del nuovo disco in uscita il 20 maggio, Harry’s House.

Sul palco del deserto californiano sventolerà anche un po’ di bandiera tricolore grazie ai Måneskin, che, già da un po’, si sono trasferiti a Los Angeles. Per loro, che hanno di recente mostrato la vicinanza all’Ucraina con una canzone, sarà il coronamento di un periodo incredibile che non accenna a fermarsi. Anche Mika suonerà al Coachella per la prima volta, dove trasmetterà good vibes con il suo pop ricercato. Il Coachella segnerà il ritorno live di Stromae, che con l’ultimo disco, Multitude, arrivato dopo 9 anni dal precedente, non ha deluso le aspettative. Attesissime anche Phoebe Brigdgers, Megan Thee Stallion, Doja Cat e Anitta, prima artista brasiliana a essere arrivata in vetta alla global chart di Spotify con la hit Envolver.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marta Donà: “Sono diventata manager per un’intuizione di Mengoni”

next
Articolo Successivo

Non tutti i compositori sono Mozart: Aldo Savagno racconta i ‘minori’ e le loro vette geniali

next